La guida definitiva a Tor Browser (con importanti consigli) 2019

Se mostri interesse per Tor Browser, allora già saprai quanto possono essere importanti la tua privacy e il tuo anonimato online. Una cosa è certa: Tor Browser è un ottimo strumento che può contribuire alla tua sicurezza. Tuttavia, c’è molta confusione in merito ai suoi pro e contro, in particolare riguardo a come si rapporta con le VPN.

Questa guida risponderà a questi e ad altri interrogativi. Ti spiegheremo come funziona questo potente strumento e quali fattori considerare per determinare se è la soluzione giusta per te.

Che cos’è Tor Browser?

Tor Browser è per molti versi simile ad un comune browser per navigare su internet. Infatti, non è certo più difficile da usare rispetto a Google Chrome o Microsoft Edge. La differenza è che Tor Browser ti porta online attraverso la rete di Tor.

Tor è un software open source gratuito che ti aiuta a mantenere l’anonimato online. Navigando su internet usando Tor Browser, prima di raggiungere la sua destinazione finale, il traffico viene diretto in modo casuale attraverso una rete di server, allo scopo di proteggere la tua posizione e identità.

Il nome “Tor” è l’acronimo di “The Onion Router”, che fa riferimento al modo in cui Tor protegge i dati, ossia avvolgendoli con una cifratura a strati multipli di cui una cipolla trasmette bene l’idea.

Tor Browser è una VPN?

Sia Tor Browser che le VPN sono strumenti per proteggere la propria privacy online, ma non sono la stessa cosa. Si tratta di due tecnologie molto diverse che ti proteggono in modi diversi.

Utilizzando una VPN, tutti i dati sono protetti con crittografia end-to-end, vale a dire che sono indirizzati attraverso un canale sicuro verso un server remoto, il quale ti collega al sito web che vuoi visitare.

Tor Browser protegge la tua privacy in un modo diverso, che a breve spiegheremo nel dettaglio.

Il punto importante è che Tor Browser non è una VPN, ma puoi utilizzare insieme questi due strumenti per massimizzare la tua privacy e sicurezza.

Come funziona Tor Browser?

Nonostante la complessità del sistema operante dietro le quinte, il browser è in realtà molto facile da usare. Basta scaricare e installare Tor Browser, quindi connetterti ad internet come faresti con qualsiasi altro browser.

Tor utilizza un esclusivo sistema sviluppato dalla Marina degli Stati Uniti per proteggere le comunicazioni di intelligence.

Prima che entrino nella rete Tor, i dati vengono raggruppati in strati di pacchetti criptati, che vengono poi indirizzati attraverso una serie di server gestiti da dei volontari, i cosiddetti nodi o relay.
Ogni volta che i tuoi dati passano attraverso uno di questi nodi, viene rimosso uno strato di cifratura che svela la posizione del nodo successivo. Una volta raggiunto il nodo finale del percorso, il cosiddetto “nodo di uscita”, viene rimosso l’ultimo strato di crittografia e i dati sono inviati alla destinazione finale.

Ogni nodo decripta solo i dati necessari per conoscere la posizione del nodo precedente e del successivo. Poiché ogni percorso dei pacchetti è generato in maniera casuale e nessuno dei nodi ne tiene traccia, è pressoché impossibile risalire all’attività di un utente negli intricati meandri della rete Tor.

Quanto è sicuro Tor Browser?

Tor Browser si dimostra davvero efficace per nascondere la propria posizione e prevenire il tracciamento del traffico web. Se usi la rete Tor, sarà quasi impossibile ricondurre a te un’attività online.

Tuttavia, Tor Browser non è totalmente sicuro. Infatti, il sistema presenta alcuni punti deboli. Dato che ogni server della rete Tor è gestito da volontari, non si può mai sapere chi siano le persone dietro ai vari nodi attraverso cui passano i tuoi dati.

In genere, questo non rappresenta un problema, considerando che ogni nodo può accedere soltanto alla posizione del nodo precedente e del successivo; fa però eccezione il nodo di uscita.

Il nodo di uscita rimuove lo strato finale di cifratura dei dati. Non potrà accedere alla tua posizione originale né al tuo indirizzo IP, tuttavia, se visiti un sito web HTTP non protetto, un nodo di uscita sarà potenzialmente in grado di spiare la tua attività.

Inoltre, Tor Browser è vulnerabile agli stessi attacchi cui sono soggetti gli altri browser, quindi è buona idea disattivare i plugin e gli script del browser se stai cercando di mantenerti anonimo, poiché possono essere sfruttati affinché rivelino informazioni come il tuo indirizzo IP.

Quali sono gli svantaggi di Tor Browser?

Il maggior inconveniente riscontrabile quando si usa Tor Browser è la velocità. Siccome i dati devono viaggiare attraverso vari nodi prima di giungere alla destinazione finale, la navigazione può risultare molto lenta.

Tor Browser non rappresenta la scelta migliore per lo streaming e il download, e i suoi stessi creatori ne scoraggiano fortemente l’uso con torrent. Questo non soltanto perché andrebbe dannatamente lento, ma più che altro perché il traffico via torrent non riceverà protezione e il tuo indirizzo IP potrebbe risultarne esposto.

Se cerchi la maniera di goderti lo streaming o il download con torrent, una VPN è un’opzione di gran lunga migliore.

Un altro svantaggio derivante dall’utilizzo di Tor Browser è che può attirare gli occhi su di te. Il tuo provider di servizi internet non sarà in grado di vedere cosa stai combinando, ma può certamente capire che sei collegato a Tor. Di per sé, già questo può bastare ad attirare sospetti sulla tua attività online.

Anche se usi Tor Browser soltanto per navigare legalmente su internet, il fatto di essere connesso alla rete Tor può potenzialmente trasformarti in un bersaglio della sorveglianza governativa. Considera che agenzie di intelligence statunitensi come NSA e FBI sono impegnate attivamente nella ricerca di modi per tracciare l’attività degli utenti di Tor.

Utilizzare Tor Browser con una VPN

Tor Browser è uno strumento efficace, ma non offre lo stesso livello di sicurezza e protezione di una VPN. Per fortuna, non devi compiere alcuna difficile scelta tra le due soluzioni, bensì puoi utilizzare Tor Browser insieme a una VPN, combinando i loro poteri e massimizzando la tua privacy.

Esistono due principali modalità per unire Tor Browser e una VPN. Ti spiegheremo entrambi i metodi, con i relativi pro e contro.

Tor tramite VPN

Con questo metodo, ci si connette prima alla VPN e poi si accede alla rete Tor. Presenta alcuni vantaggi, ad iniziare dalla grande facilità. Ti basterà connetterti alla VPN e poi aprire Tor Browser.

Nella maggior parte dei casi, questa configurazione fornisce un livello di sicurezza e privacy più che sufficiente per la tua protezione.

Alcune VPN rendono le cose ancora più semplici, offrendo un servizio Tor integrato. NordVPN ne costituisce un ottimo esempio, con la sua funzione “Onion over VPN” che consente di connettersi a Tor senza usare Tor Browser.

In questo modo, NordVPN è in grado di far passare il tuo traffico attraverso uno dei suoi server VPN sicuri, indirizzandolo poi direttamente alla rete Tor. Inoltre, il servizio di NordVPN può proteggere tutto il traffico del tuo dispositivo, non soltanto l’attività del browser.

Un ulteriore vantaggio del metodo Tor tramite VPN è che tutti i dati sono criptati in modo sicuro dalla VPN prima di entrare nella rete Tor. Questo significa che i volontari che gestiscono i server di Tor non potranno accedere al tuo indirizzo IP reale.

Inoltre, dato che le VPN celano la tua attività ai provider internet, connetterti a una VPN prima di accedere a Tor impedisce al tuo ISP di rilevare che stai usando Tor.

Poi, dato che i provider di servizi internet non sono in grado di vedere cosa accada all’interno della rete Tor, il sistema Tor tramite VPN ti concede anche una certa privacy dal tuo ISP. Tuttavia, se la VPN a cui ti affidi mantiene i log della tua attività, il metodo Tor tramite VPN non nasconderà il tuo vero indirizzo IP né il fatto che stai usando Tor.

L’altro aspetto negativo è la mancanza di protezione dai nodi di uscita malevoli, dal momento che il traffico non sarà criptato quando raggiunge la destinazione finale.

VPN tramite Tor

Con questo metodo, ci si connette prima alla rete Tor e poi alla VPN. È più complicato rispetto a “Tor tramite VPN”, perché nella maggior parte dei casi è necessario configurare manualmente la VPN affinché funzioni con Tor in questo modo.

Il più grande vantaggio di questo metodo è la protezione dai nodi di uscita di Tor. Il tuo traffico non passerà direttamente da un nodo di uscita alla destinazione finale, ma sarà prima indirizzato a un server VPN sicuro.

Ecco perché questa configurazione è ideale per la comunicazione di informazioni sensibili.

Lo svantaggio è che il tuo provider di servizi internet, e con lui le agenzie governative, saranno in grado di vedere che stai usando Tor, anche se la tua attività rimarrà nascosta.

Inoltre, questo metodo mantiene il tuo vero indirizzo IP celato al tuo provider di VPN, ma se ti affidi a una VPN trasparente che adotta una politica di no-log, non dovresti averne motivo.

Conclusione

Nonostante abbia dei difetti, Tor Browser costituisce un potente ed efficace strumento per la protezione della propria privacy online. Combinando l’anonimato di Tor con la sicurezza offerta da una VPN, si può trarre il meglio da entrambi i sistemi.

Consigliamo vivamente di dotarsi di una VPN, se stai considerando di dare una chance a Tor Browser.

È anche bene tenere presente che, già di per sé, una VPN è in grado di fornire un’eccellente livello di sicurezza e di anonimato, senza la significativa riduzione di velocità riscontrabile con Tor Browser.
Se stai cercando una VPN affidabile per proteggere la tua privacy online, dai un’occhiata alla nostra lista delle migliori offerte e coupon per servizi di VPN.

Ulteriori letture:

Tor vs. VPN

Le migliori VPN no-log verificate

Le 5 migliori VPN per Tor Browser

Ti è stato utile? Condividilo!