Trasparenza:
Recensioni professionali

vpnMentor ospita recensioni scritte dai nostri esperti, che esaminano i prodotti seguendo i propri standard professionali.

• Proprietà

vpnMentor è di proprietà di Kape Technologies PLC, a cui appartengono i seguenti prodotti: CyberGhost, ZenMate, Private Internet Access e Intego, i quali possono essere recensiti su questo sito.

• Commissioni di affiliazione

Sebbene vpnMentor possa beneficiare di commissioni quando viene effettuato un acquisto utilizzando i nostri link, ciò non ha alcuna influenza sul contenuto delle recensioni o sui prodotti/servizi recensiti. Forniamo link diretti per l'acquisto di prodotti che fanno parte di programmi di affiliazione.

• Standard per le recensioni

Le recensioni pubblicate su vpnMentor vengono scritte da esperti che esaminano i prodotti secondo i nostri rigorosi standard sulle recensioni. Tali standard assicurano che ogni recensione si basi sull'esame indipendente, professionale e onesto del recensore e prenda in considerazione le capacità tecniche e le qualità del prodotto insieme al suo valore commerciale per gli utenti, i quali possono anche influenzare il posizionamento del prodotto sul sito.

ExpressVPN recensione 2021: è sicura, ma vale un tal prezzo?

Giovanni Stella
Giovanni Stella | Ricercatore in ambito di sicurezza informatica
Aggiornato il 08/09/2021

ExpressVPN è una delle VPN più sicure e veloci sul mercato, ma il suo unico inconveniente è sempre stato il prezzo. Spesso fa degli sconti che la rendono più abbordabile, ma esistono altre VPN che fanno certamente il loro lavoro e che offrono funzioni di sicurezza simili pur praticando tariffe di gran lunga minori. Insomma, hai davvero bisogno di pagare così tanto per una VPN di buon livello come ExpressVPN?

Per rispondere a questo interrogativo, ho eseguito dei test approfonditi su dispositivi desktop e mobile con sistemi Windows, Mac, Linux, Android e iOS. Ho messo alla prova le sue velocità durante il gioco, lo streaming e il file sharing con torrent. Ho anche esplorato a fondo le sue funzioni di sicurezza, le capacità di sblocco geografico, la compatibilità con i diversi dispositivi e il suo protocollo di sicurezza proprietario, Lightway. Per capire se merita la fiducia di cui gode, ho esaminato in dettaglio la sua informativa sulla privacy, gli audit realizzati da enti indipendenti e tutta la storia dell’azienda.

Ti anticipo qui la mia conclusione: ExpressVPN è difficile da battere praticamente sotto ogni aspetto. Vale certamente il prezzo richiesto e ho pure scovato alcuni stratagemmi per migliorarne il rapporto qualità-prezzo. Oltretutto, è coperta da una garanzia di rimborso, quindi potrai provare tutte le funzioni di ExpressVPN senza correre alcun rischio. Se capisci che non fa per te, avrai 30 giorni di tempo per chiedere un rimborso.

Prova ExpressVPN senza rischi per 30 giorni!

L'ultima offerta di ExpressVPN Ottobre 2021: ricevi 3 mesi completamente gratuiti sul tuo abbonamento annuale con questa offerta attuale! Non sappiamo quando finirà questa offerta, quindi è meglio controllare la pagina delle offerte per vedere se è ancora disponibile.

Sei di fretta? Ecco i miei principali riscontri

Prova subito ExpressVPN

Caratteristiche di ExpressVPN – Aggiornate a Ottobre 2021

💸 Prezzo $6.67/mese
📆 Soddisfatti o Rimborsati 30
📝 La VPN conserva logs? No
🖥 Numero di server 3000
💻 Numero di dispositivi per licenza 5
🛡 Interruttore d'emergenza
🗺 In base al paese Virgin Islands (British)
📥 Supporta il torrenting No

Streaming – Sblocca più di 40 piattaforme, incluse Netflix, Hulu e Disney+

ExpressVPN è fantastica per lo sblocco delle piattaforme di streaming. Ho potuto guardare senza problemi i programmi di Netflix USA e altri suoi cataloghi locali, oltre a Disney+, Amazon Prime Video e BBC iPlayer. Inoltre, sul sito web ExpressVPN pubblica una lista di tutte le piattaforme di streaming con cui funziona correntemente. Ho testato tutti i servizi elencati e persino altri, senza mai trovarne uno che questa VPN non fosse in grado di sbloccare. L’unico aspetto negativo, ma di minore entità, è che vi sono alcune regioni Netflix a cui ExpressVPN non ha accesso, nonostante siano piuttosto popolari.

Ho testato oltre 30 server di ExpressVPN e ho potuto sbloccare le seguenti piattaforme:

Netflix Hulu Disney+ BBC iPlayer HBO Max Crunchyroll
Amazon Prime Video Peacock ESPN+ Paramount+ Rai Play Globoplay
DStv ProSieben 6play ORF CBC Gem Vudu
Pluto TV Discovery+ Locast Rakuten Viki IPTV AT&T TV
NOW TV ITV Hotstar Crackle Zattoo Channel 4
Sky TV beIN Sports DAZN fuboTV Sling TV Kodi
Showtime Apple TV YouTube Spotify UKTV Crave

Goditi subito lo streaming con ExpressVPN

Sblocca più di 20 cataloghi Netflix (Stati Uniti, Regno Unito e Giappone inclusi)

ExpressVPN mi ha permesso di sbloccare regioni Netflix in tutto il mondo e di guardare contenuti in streaming senza interruzioni. Ho iniziato i miei test collegandomi alla posizione server di San Francisco e il login a Netflix è avvenuto senza problemi. Dopo aver selezionato Ritorno al futuro, ha iniziato a riprodurre il video all’istante e non ha mai mostrato problemi di caricamento o cali di qualità. Ho visto il film in un HD fluido e senza buffering per tutta la sua durata.

Ogni video che ho guardato si è caricato immediatamente dopo averlo selezionato

Ho potuto sbloccare ben 20 diverse librerie Netflix. Anche i server un po’ più distanti mi hanno permesso una visione in HD senza buffering. Quando ho usato la posizione server di Wembley, ho avuto accesso a Netflix Regno Unito con performance invariate rispetto allo streaming senza la VPN collegata. Su distanze molto lunghe, in genere i video richiedono più tempo per caricarsi. Ad esempio, guardando Netflix sul server Tokyo 2 (a 8.494 km di distanza dalla mia posizione reale), ho dovuto aspettare fra 8 e 10 secondi circa affinché i video partissero.

Tuttavia, ho rilevato alcuni inconvenienti più seri tentando di sbloccare Netflix con i server virtuali di ExpressVPN. I server virtuali ti fanno apparire come se fossi in una posizione diversa, proprio come i server VPN ordinari, però in tal caso anche il server è fisicamente situato da un’altra parte. Quando mi sono collegato alla posizione virtuale in Argentina, il catalogo mi mostrava solo i contenuti Netflix Originals, che sono disponibili in ogni Paese coperto da Netflix. Mi è successa la stessa cosa quando ho testato altre posizioni virtuali (come Taiwan, Egitto, Pakistan e Bahamas). È certamente meglio che venire bloccati dal fastidioso messaggio di errore proxy di Netflix, ma resta comunque un po’ deludente che ExpressVPN non consenta di accedere ai contenuti specifici per questi Paesi.

Anche se è un vero peccato che le posizioni virtuali non diano accesso ai contenuti locali, resta comunque il fatto che con ExpressVPN sono stato in grado di accedere a tantissimi cataloghi Netflix. La più nota piattaforma di streaming si dimostra piuttosto seria in termini di applicazione dei geoblocchi, quindi è indubbiamente notevole che ExpressVPN riesca a sbloccarne i contenuti in così tanti Paesi.

Oltre al catalogo statunitense, ho potuto sbloccare Netflix nei seguenti Paesi:

Regno Unito Canada Stati Uniti Australia Francia
Cile Giappone Germania Italia Brasile
Svezia Nuova Zelanda Hong Kong Paesi Bassi Svizzera
Colombia Malesia Romania Spain Grecia
Un consiglio: se mai ti dovessi imbattere nel famigerato errore proxy di Netflix, puoi provare alcuni stratagemmi. Innanzitutto, cambia browser. Può risolvere il problema anche cancellare la cache e i cookie del browser che usi di solito. Infine, puoi provare a passare a un altro server dello stesso Paese, se ve ne sono altri disponibili. Se continui a beccarti la schermata di errore, puoi contattare il supporto di ExpressVPN disponibile 24/7 tramite live chat e vedrai che ti consiglieranno un server funzionante con quello specifico catalogo Netflix a cui desideri accedere.

Sblocca : Disney+

Disney+ offre una qualità dell’immagine incredibile ed ExpressVPN mi ha permesso di guardare Pirati dei Caraibi in Ultra HD cristallino su tutti i 10 server che ho testato.

Ho potuto sbloccare Disney+ con i server di Stati Uniti, Regno Unito, Canada e Italia.

Quando ho testato i suoi server statunitensi, ho ottenuto risultati perfetti. Inoltre, ho potuto guardare Disney+ sui server di Australia, Canada, Italia e Regno Unito, sempre senza interruzioni per buffering. L’unica posizione server che mi ha fornito performance leggermente diverse è stata quella canadese, che ha impiegato circa 2-3 secondi in più per caricare i video.

Guarda Disney+ con ExpressVPN

Sblocca Amazon Prime Video

Ho avuto solo un piccolo problema di accesso ad Amazon Prime Video, ma per la maggior parte del tempo ha funzionato alla grande. Amazon Prime Video è disponibile in tutto il mondo e per sbloccarlo ho usato i server di Stati Uniti, Germania e Canada. In tutti i casi, la riproduzione di serie e film è iniziata all’istante e in qualità HD senza buffering.

Sono riuscito a sbloccare Amazon Prime Video con server posizionati in Germania, Canada e Stati Uniti.

Ho avuto un problema quando ho usato il server britannico Docklands. Non funzionava nemmeno realizzando la mia procedura di base per la risoluzione di problemi, ossia cambiare browser, cancellare la cache e passare ad altri server del Regno Unito. Anche i server di Londra mi hanno portato a schermate di errore, quindi ho contattato il supporto.

Prime Video potrebbe non funzionare se il tuo indirizzo di fatturazione indica un luogo diverso rispetto al tuo IP.

Il membro del team di supporto di ExpressVPN mi ha detto che Amazon Prime Video aveva preso come riferimento il mio indirizzo di fatturazione. Essendo un indirizzo statunitense, non corrispondeva alla regione in cui ero connesso con la VPN, quindi non mi ha dato accesso al servizio. Tutto questo ha senso, in ogni caso mi ha funzionato negli Stati Uniti, in Canada e in Germania, quindi sarai comunque in grado di guardare Prime Video in molteplici regioni.

Guarda Prime Video con ExpressVPN

Sblocca: Hulu

Ho potuto sbloccare Hulu e guardare serie e film in HD con tempi di caricamento altamente ridotti. Di solito con altre VPN ho difficoltà a sbloccare Hulu, ma ho potuto farlo facilmente con ben 7 diversi server di ExpressVPN.

Se Hulu non carica, prova a cambiare browser.

Lo streaming di Parasite si è avviato in un perfetto HD giusto 2 secondi dopo aver premuto play. La visione è proseguita senza interruzioni.

Sblocca: HBO Max

Ho potuto sbloccare HBO Max e guardare i contenuti della piattaforma senza problemi. Game of Thrones è una delle mie serie preferite, quindi sono stato lieto di vedere che ExpressVPN mi permette di accedervi.

Ogni video che ho guardato sulla piattaforma è stato riprodotto senza buffering.

HBO Max ha funzionato alla grande: il video si è caricato immediatamente e non ha mai mostrato salti né blocchi. Ho eseguito i miei test sui server di Denver, Tampa, Atlanta e Santa Monica e mi hanno tutti permesso di accedere al servizio senza inconvenienti.

Guarda HBO Max con ExpressVPN

Sblocca: BBC iPlayer

Ciascuno dei 4 server britannici di ExpressVPN mi ha permesso la visione di BBC iPlayer. Una buona notizia, considerato che in passato questa VPN ha dimostrato di avere problemi con questa piattaforma.

Sarai in grado di riprodurre video in streaming senza problemi.

Questo mi ha impressionato perché molte VPN si concentrano sulla rete di server statunitensi, piuttosto che sulle posizioni del Regno Unito (i contenuti americani tendono a essere i più richiesti). Con queste premesse, viene difficile trovare una VPN capace di accedere a BBC iPlayer in maniera affidabile.

Se trovi qualche difficoltà, prova a passare a un altro server del Regno Unito. Un altro trucchetto che può essere efficace è il cambio di protocollo. Infine, un’ulteriore opzione utile per eludere qualsiasi schermata di errore è la sua funzione Smart DNS, chiamata MediaStreamer.

Guarda BBC iPlayer con ExpressVPN

Sblocca: Kodi

Con ExpressVPN collegata, ho potuto riprodurre contenuti su Kodi senza un solo caso di buffering o problemi di audio o del video. Kodi è un software open-source utilizzabile per accedere ai siti di streaming P2P. Ho scaricato l’add-on PopcornFlix tramite Kodi e ho guardato il film di dominio pubblico La donna vespa.

Assicurati di tenere conto delle leggi locali, poiché alcuni siti a cui si connette Kodi possono mostrare contenuti protetti da copyright.

È legale usare Kodi per vedere film o video che non sono protetti da diritti d’autore. Tuttavia, piattaforme come PopcornFlix ospitano contenuti soggetti a copyright e guardarli potrebbe crearti problemi di natura legale. Io e il mio team non appoggiamo alcuna attività contraria alla legge. Ho eseguito i miei test di Kodi in modo che le persone che lo utilizzano responsabilmente sappiano che possono farlo in maniera sicura e senza contravvenire ad alcuna norma.

Sblocca anche Crunchyroll, Peacock, ESPN+ e altri

ExpressVPN ha sbloccato tutte le piattaforme che ho testato, fra cui anche Crunchyroll, Peacock, ESPN+ e tante altre.

Su Peacock, i video impiegavano circa 10 secondi per caricarsi e partivano un po’ sfocati. In un paio di secondi, poi, passavano alla qualità HD. Lo streaming del basket in diretta ha funzionato alla grande su ESPN+, con la partita caricata all’istante e riprodotta senza difetti. Su Crunchyroll ho provato con lo streaming della serie light-novel giapponese How Not to Summon a Demon Lord e ha funzionato alla perfezione.

Insomma, ExpressVPN è una VPN eccellente per lo streaming. Ho potuto accedere a ogni singola piattaforma di streaming con cui l’ho messa alla prova e la riproduzione dei video è avvenuta perfettamente, eccetto che in pochissime casi.

49% in meno

Risparmia subito il 49% su ExpressVPN!

Garanzia di Rimborso: 30 Giorni

Paga meno oggi stesso per il tuo piano di ExpressVPN!

Rete di server – Un ampio parco server distribuito su tutto il pianeta

ExpressVPN offre una miriade di server in tutto il mondo, condizione che ti beneficia certamente con connessioni più veloci e stabili. Quando i server hanno un carico elevato (per i profani, in sostanza è una percentuale che indica quanto sono affollati), la velocità può diminuire e la connessione può perdere affidabilità. In generale, le velocità caleranno un po’ quanto più lontano si trovi il server. Ecco perché è una buona cosa che ExpressVPN abbia 3.000 server in 90 Paesi, Italia e Svizzera comprese: la possibilità di trovare un server vicino che non sia affollato è piuttosto alta.

Stati Uniti ed Europa ospitano la maggior parte dei server.

ExpressVPN non offre solo un’ampia copertura in tutto il mondo, ma anche all’interno dei singoli Paesi. Ad esempio, trovo interessante che abbia server su entrambe le coste australiane. Offre anche server in alcuni Paesi spesso non serviti da altre VPN, come Hong Kong, Taiwan, Macao, Venezuela, Algeria e Turchia. Tieni solo a mente che queste sono posizioni virtuali, cosa che potrebbe influire sulle velocità. L’Europa occidentale e il Nord America offrono la migliore copertura, con server distribuiti uniformemente.

I server di cui viene specificata la città rendono più facile individuarne la posizione, permettendoti di ottenere velocità migliori. ExpressVPN offre una selezione di server in città di 16 Paesi, come Stati Uniti, Regno Unito, Australia e Brasile. Se un server è a livello di città, saprai che si trova proprio nella città indicata, mentre se si tratta di un server a livello nazionale, potrebbe essere situato ovunque in un’area molto più grande. Ad esempio, puoi semplicemente selezionare un server in Messico. Il server potrebbe trovarsi in un’area di longitudine superiore a 10.000 km, quindi la distanza del server dalla tua posizione potrà variare se ti connetti a un generico server messicano, ottenendo così velocità inconstanti.

Anche se gli indirizzi IP sono tutti di proprietà di ExpressVPN, il provider lavora con data center di terze parti. Questi fornitori di servizi terzi hanno un ruolo di mantenimento, senza avere alcun accesso alle informazioni che girano sui server. Dopo aver contattato ExpressVPN, mi hanno comunicato che tali aziende possono vedere il traffico in entrata e in uscita da un server, ma non hanno un livello di credenziali tale da poter collegare un certa attività online a singoli utenti. Insomma, anche se ExpressVPN collabora con terze parti per il mantenimento dei server, questo non compromette minimamente la tua privacy.

Prova subito ExpressVPN

Smart Location

Smart Location è comodo, ma ho potuto trovare server più veloci per conto mio. Si tratta di una funzione che sceglie in automatico un server adatto a te considerando i fattori di distanza, latenza e velocità. Certamente fa risparmiare tempo, ma con un po’ di tentativi sarai in grado di trovare server più rapidi cercandoli manualmente. Ad esempio, Smart Location mi ha collegato al server di San Francisco, ma provando la posizione East London le mie velocità sono state superiori di ben 31 Mbps.

Il pulsante con le tre linee orizzontali in alto a sinistra ti permetterà di accedere alla lista dei server.

Questa funzione risulta utile se ti trovi in un Paese che applica restrizioni sui servizi di VPN. Usare Smart Location in Cina, ad esempio, ti farà risparmiare un sacco di grattacapi. Invece di dover cercare fra le posizioni disponibili e funzionanti in un Paese limitrofo, puoi affidarti all’algoritmo di ExpressVPN, che farà il lavoro al posto tuo.

La tecnologia TrustedServer

ExpressVPN rafforza i tuoi livelli di sicurezza e privacy mantenendo in esecuzione i suoi server sulla sola memoria RAM. La chiamano TrustedServer Technology. La RAM non è in grado di memorizzare dati in modo permanente, quindi, una volta che viene riavviata, qualunque informazione relativa alla tua sessione di connessione verrà cancellata. Tutto, compreso il sistema operativo, viene caricato fresco di nuovo ad ogni riavvio, a partire da un’immagine sicura di sola lettura memorizzata sul disco rigido. Questo incrementa la sicurezza della tecnologia nei seguenti modi:

  • Nessuno dei tuoi dati verrà mai memorizzato su un disco rigido.
  • I dati vengono conservati per periodi più brevi.
  • Il software viene reinstallato ad ogni riavvio, quindi tutti i server funzionano aggiornati con le ultime patch di sicurezza.
  • Assicura che il software sia lo stesso su tutti i server. Con alcuni servizi di VPN, infatti, questo può variare da server a server, lasciandone alcuni più vulnerabili di altri.

La maggior parte delle VPN memorizza i dati sui dischi rigidi. Questo è meno sicuro, perché gli hard disk conservano i dati finché qualcuno non li cancella. I server di ExpressVPN vengono riavviati con una frequenza settimanale od ogni due settimane. Considerato che non conservano alcuna tua informazione sensibile, sarai al sicuro indipendentemente dalla quantità di riavvii. Comunque è bene che vengano riavviati continuamente, in modo che usino sempre la tecnologia più recente e aggiornata.

ExpressVPN fa uso di sedi virtuali? Sì

Meno del 3% dei server di ExpressVPN è composta da posizioni virtuali, ossia quando il server fisico si trova da un’altra parte. Il tuo nuovo indirizzo IP sarà del Paese desiderato, però il server si trova effettivamente altrove. Tutte le sedi virtuali di ExpressVPN sono elencate chiaramente sul suo sito web.

Il provider indica anche la posizione del server fisico corrispondente.

I server virtuali permettono a ExpressVPN di offrirti IP in Paesi che applicano politiche restrittive sull’uso di Internet. Può essere difficile trovare dei posti sicuri per piazzare un data center in quei Paesi che hanno messo al bando o limitano le VPN. Non avendo server fisici in aree come l’Arabia Saudita, la Cina e la Russia, ExpressVPN può tenersi al di fuori della loro giurisdizione.

L’uso di server virtuali può anche fornirti velocità maggiori e connessioni più affidabili. In alcuni Paesi non vi sono connessioni a Internet rapide e/o stabili, quindi le prestazioni della VPN risultano migliori poiché il server fisico è posizionato in una zona con infrastrutture più avanzate.

L’unico inconveniente è che le posizioni virtuali non sono ottimali per lo sblocco dei siti di streaming. Oltretutto, non sono sempre rose e fiori: a volte collegarsi a tali server può abbassare la velocità, se il server fisico è più lontano di quello virtuale rispetto alla tua posizione reale. In generale, questi server consentono a ExpressVPN di avere una copertura globale molto più ampia rispetto a gran parte delle altre VPN del massimo livello.

Prova subito ExpressVPN

ExpressVPN offre indirizzi IP statici/dedicati? No

ExpressVPN non fornisce indirizzi IP fissi: tutti i server possono essere utilizzati da qualunque utente.

Alcune VPN permettono di comprare un indirizzo IP dedicato che userai solo tu. Questo è utile per chi vuole gestire un sito web e ha bisogno di un singolo IP affinché possa essere trovato facilmente. Esistono poi dei servizi online che possono bloccare il tuo account per aver effettuato l’accesso da molteplici località, ad esempio alcune piattaforme di trading di azioni.

Tuttavia, gli IP dedicati non sono sicuri quanto gli IP condivisi, quindi in ogni caso consiglierei di evitarli. Infatti, con l’IP condiviso che ti assegna ExpressVPN, il tuo traffico web si mescolerà con quello di altri utenti, rendendo molto più difficile tracciare le attività, i dati e le informazioni che ti riguardano. Tutti i server di ExpressVPN in una posizione sono elencati come un tutt’uno, ma sono disponibili più IP per ciascuna località. Ogni volta che ti riconnetti, la VPN te ne assegnerà uno nuovo in modo casuale, poiché vengono fatti ruotare regolarmente.

La rotazione degli indirizzi IP aumenta la sicurezza di ExpressVPN, nonché le sue capacità con lo streaming. Anche se gli IP statici hanno un’utilità in determinati casi, la rotazione degli indirizzi IP è la pratica migliore per mantenersi protetti online.

Velocità – Prestazioni incredibili sia su server locali che distanti

ExpressVPN mi ha fornito le velocità più elevate rispetto a qualsiasi VPN che ho testato. Mi ha stupito anche la costanza delle prestazioni sia sui server locali che su quelli molto distanti. Durante lo streaming, non ho riscontrato il benché minimo caso di lag del video sui tanti server a cui mi sono collegato. Su alcuni ha richiesto più tempo caricare i video, però non ho mai registrato cali di qualità o interruzioni per buffering.

Ho realizzato i miei test con un portatile Microsoft Surface con Windows 10, mentre ho registrato i dati di velocità con l’apposito strumento di Ookla. Anche se ho ottenuto buone prestazioni con ciascun protocollo di sicurezza, per assicurarmi che i miei risultati fossero coerenti ho scelto di usare Lightway TCP.

Ecco i tre aspetti su cui mi sono focalizzato durante i miei test di confronto delle velocità dei server:

  • Il ping, che è il tempo necessario ai dati per viaggiare dalla loro origine alla destinazione. Questo è un dato fondamentale per gli appassionati di gaming: più il ping è basso, più rapidamente vengono ricevuti i tuoi input, ovvero le istruzioni che dai al gioco online. Il ping si misura in millisecondi (ms).
  • La velocità di download, che indica con quanta rapidità si ricevono le informazioni dalla rete Internet. Questo influisce sulle prestazioni del dispositivo per le attività di streaming, caricamento di pagine web, download ecc. Si misura in megabit al secondo (Mbps).
  • La velocità di upload, che indica quanto rapidamente si trasferiscono i dati. Questo influisce sulla velocità di invio di video, pubblicazione sui social media, condivisione di file ecc. Anch’essa si misura in Mbps. È importante sottolineare che su gran parte delle reti domestiche il valore della velocità di upload è notevolmente più basso rispetto a quello di download. Le connessioni sono impostate in questo modo perché la maggior parte delle persone passa molto più tempo in attività di scaricamento (ricezione di dati) che di caricamento (invio di dati).

Ho testato server in più di 30 posizioni e non ho mai ottenuto velocità inferiori a 362 Mbps.

I server di Chicago e Londra hanno persino migliorato la mia velocità di base.

ExpressVPN offre un test di velocità integrato, ma ne sconsiglio l’uso perché è impreciso. Ha solo lo scopo di mostrarti la differenza tra i server in termini di ping (indicato come latenza) e di velocità di download e upload. Spesso, però, si sbagliava. Ad esempio, riportava che il server di Los Angeles era del 33% più rapido rispetto a quello di San Francisco, quando in realtà è più corretto affermare il contrario, come puoi vedere nel grafico precedente.

È normale che una VPN ti rallenti, soprattutto sulle lunghe distanze, quindi mi ha colpito il fatto che due server lontani abbiano effettivamente aumentato le mie velocità. La posizione di East London mi ha fornito prestazioni del 5% migliori rispetto alla mia velocità di download di base, pari a 461 Mbps. Nel complesso, comunque, come c’era da aspettarsi le velocità diminuivano leggermente all’aumentare della mia distanza dai server.

Per il mio primo test ho usato Smart Location, che mi ha connesso al server di San Francisco. Ho confrontato le sue prestazioni con i dati della mia connessione senza VPN.

VPN disattivata
(Fresno, California)
VPN attiva
(San Francisco)
Calo di velocità con
VPN attiva
Download 461.38 455.17 1.2% più lenta
Upload 42.03 42.05 Nessuno
Ping 16 21

La VPN non ha quasi influito sulle mie velocità. Il ping è stato leggermente maggiore, pur restando talmente basso da non farti percepire alcun cambio.

Prova subito ExpressVPN

Velocità sui server locali

In media, i server in un raggio massimo di 4.000 km di distanza hanno diminuito la mia velocità solo dell’1,5%! Sono valori che mi hanno lasciato davvero a bocca aperta. Siccome una VPN si occupa di reindirizzare e criptare il tuo traffico web, in gran parte dei casi ridurrà molto di più la tua velocità. Dopo il mio test con Smart Location a San Francisco, ho provato la posizione Los Angeles 3.

Los Angeles 3:

Ping (ms) 26 (10 ms più lento)
Download (Mbps) 441.19 (calo del 4%)
Upload (Mbps) 42.03 (nessun calo)

Los Angeles è 110 km più lontana di San Francisco rispetto alla mia posizione reale e le prestazioni si sono abbassate di circa il 3% rispetto all’altro server. Anche il ping registrato era di 5 ms più elevato. Poi ho testato il server di Dallas, a 2.547 km di distanza.

Dallas:

Ping (ms) 56 (40 ms più lento)
Download (Mbps) 443.14 (calo del 4%)
Upload (Mbps) 41.97 (calo dello 0,1%)

È stato un po’ più veloce del server di Los Angeles. Le velocità di ExpressVPN reggono bene sulle lunghe distanze; in alcuni casi, la posizione più vicina potrà persino non essere la più rapida. Sfortunatamente, l’app non mostra quanto sia affollato ogni server (informazione nota anche come percentuale di carico). Ho il sospetto che Dallas abbia avuto meno utenti connessi in quel momento, condizione che ha reso il server più veloce.

Per riassumere, non ho notato alcuna significativa differenza di prestazioni fra i server locali che ho testato. Il gioco e lo streaming sono stati fluidi e privi di lag su ciascun server entro i 4.000 km di distanza.

Il calo medio di velocità che ho registrato con i server locali è stato solo dell’1,5%.

Prova subito ExpressVPN

Velocità sulle lunghe distanze

Nella maggior parte dei casi, le velocità hanno mostrato un certo calo sui server più distanti, pur restando davvero notevoli. Il server Tokyo 2 si trova a ben 8.494 km dalla mia posizione, ma ho perso solo l’11% rispetto alla mia connessione di base. Di norma una VPN ti può rallentare del 15-20% circa, quindi si tratta di un ottimo risultato per un server così lontano.

Tokyo 2:

Ping (ms) 124 (108 ms più lento)
Download (Mbps) 409.06 (calo dell’11%)
Upload (Mbps) 37.36 (calo dell’11%)

Questo server giapponese è stato del 10% più lento rispetto alla posizione di San Francisco assegnatami dall’app tramite la funzione Smart Location. Per lo streaming e la navigazione, non ho riscontrato differenza rispetto all’uso di server locali. Poi ho provato il server Easton London, più lontano di 100 km rispetto a Tokyo.

East London:

Ping (ms) 148 (132 ms più lento)
Download (Mbps) 486.30 (5% più veloce)
Upload (Mbps) 39.48 (6% più lento)

Anche se è dall’altra parte del mondo, Londra ha effettivamente aumentato la mia velocità di base: impressionante.

Insomma, le velocità di ExpressVPN reggono incredibilmente bene sulle lunghe distanze. Anche la remota posizione di Reykjavik, in Islanda, mi ha fornito una velocità di download pari a 414 Mbps, ossia un calo del 10% soltanto!

In genere i server lontani sono più lenti, ma Londra mi ha offerto le migliori velocità rispetto a qualsiasi altra posizione.

Prova subito ExpressVPN

Test di velocità dei protocolli

Quando ho messo a confronto le velocità di ogni protocollo, L2TP/IPsec si è dimostrato il più rapido. Ciò nonostante, ogni protocollo disponibile con ExpressVPN ha fornito buone prestazioni, con velocità superiori ai 300 Mbps.

Tutti i protocolli mi hanno dato ben oltre 300 Mbps di velocità.

Anche se L2TP/IPsec è il più veloce, raccomanderei di usare sempre uno degli altri protocolli, se possibile. Questo perché L2TP/IPsec è un protocollo più vecchio e meno sicuro. Le velocità di Lightway TCP, OpenVPN UDP e IKEv2 sono quasi identiche. Per il miglior equilibrio fra sicurezza e velocità, ti consiglio di usare Lightway TCP.

Le velocità di ExpressVPN sono sufficienti per il gaming? Sì

ExpressVPN è una VPN eccellente per il gioco, a patto che ti colleghi ai server locali. Sulla lunga distanza, infatti, non riuscivo a essere in partita perché il ping era troppo alto.

Quando giochi online a titoli altamente rapidi e competitivi, la velocità con cui il gioco riceve i tuoi input assume un ruolo centrale. Ecco perché devi sempre puntare ad avere un ping inferiore a 100 ms. Se il gioco impiega troppo tempo a registrare i tuoi comandi, hai finito di divertirti, poiché anche una frazione di secondo di lag della connessione ti pone in una situazione di svantaggio, in particolare in quei giochi che richiedono reazioni immediate.

Ecco perché ho eseguito i miei test con Counter-Strike: Global Offensive. Si tratta di uno sparatutto online ad alta intensità, dove hai un totale controllo del tuo personaggio e si nota il seppur minimo ritardo o lag della connessione. Ho iniziato i test collegandomi alla posizione di San Francisco, che mi ha fornito un ping di 21 ms.

Ho dovuto aspettare solo 8 secondi per entrare in una partita.

In men che non si dica, sono entrato in una partita. Una volta caricato il gioco, ho potuto correre, abbassarmi, saltare e sparare con assolutamente zero ritardi. Non sono bravo in questo gioco, quindi ho perso lo stesso, ma in questo la VPN non ha alcuna responsabilità.

Giocare su un server più distante, però, è risultato impossibile. Come citato in precedenza, nonostante fosse a 8.562 km di distanza, la posizione East London mi aveva fornito le migliori velocità di download, pertanto ho deciso di testare tali server anche per il gaming. Purtroppo, però, per quanta velocità di download riuscisse a darmi tale località, con 148 ms il ping era oltre 6 volte superiore a quello del server di San Francisco. Ho aspettato ben 3 minuti per vedere se caricava una partita, ma poi ho deciso di uscire e di riconnettermi. Tuttavia, è successa di nuovo la stessa cosa, quindi non ho potuto nemmeno vedere come sarebbe andata la connessione durante il gioco.

Si è presentato lo stesso identico problema quando ho provato un server di New York. Nonostante sia solo a 4.743 km dalla mia posizione reale, dopo vari tentativi non sono riuscito a trovare una partita. Pertanto, posso consigliare ExpressVPN per il gioco online solo se disponi di server vicini alla tua posizione.

Per riassumere, le alte velocità di ExpressVPN ti permetteranno di giocare online con tempi di caricamento brevi e nessun lag, ma solo se il server è vicino a dove ti trovi.

Prova subito i tuoi giochi con ExpressVPN

Sicurezza – Altamente personalizzabile e crittografia del massimo livello

Con la sua ampia varietà di funzioni di sicurezza e la crittografia di livello militare, ExpressVPN manterrà protetti i tuoi dati in qualunque situazione. Molti provider di VPN dichiarano di proteggere l’utente in caso di cadute della connessione e garantiscono che il suo indirizzo IP resterà sempre nascosto. Solo attraverso attività di ricerca e test si può confermare la validità di tali affermazioni, che a volte sono solo proclami di marketing.

Ho testato a fondo anche le funzioni di sicurezza aggiuntive di ExpressVPN, come il kill switch, lo split tunneling e la compatibilità con Tor. Inoltre, ho messo a confronto i suoi protocolli e ho esaminato in dettaglio la sua esclusiva tecnologia Lightway. Infine, ho passato al setaccio tutti i report degli audit realizzati da terze parti, volti a controllare la bontà dell’infrastruttura e delle pratiche operative di ExpressVPN.

L’unico aspetto negativo che ho potuto trovare è che ExpressVPN non integra un blocco degli annunci e dei malware. Questa è di certo una funzione utile, tuttavia in genere i sistemi ad-blocker e anti-malware forniti dalle altre VPN non sono di efficacia soddisfacente. Pertanto, diviene sempre necessario utilizzare un’apposita estensione o app per ottenere una protezione completa. Insomma, considerato che esistono tanti ad-blocker efficaci e gratuiti, non ho trovato un grande inconveniente che ExpressVPN non integri tale funzione.

Crittografia – Protezione di livello militare

La tecnologia crittografica di ExpressVPN protegge le tue informazioni private. Ti mantiene al sicuro con una crittografia che combina una cifratura AES a 256 bit con una chiave RSA a 4096 bit e l’autenticazione HMAC SHA-512. Tradotto in altri termini, i tuoi dati sono in una botte di ferro, praticamente inattaccabili. Si tratta dello stesso livello di crittografia usato dall’apparato militare, finanziario e governativo per la protezione dei dati sensibili.

Il numero di bit indica quante possibili combinazioni sono disponibili per generare la chiave. Con 1 bit, le combinazioni possibili sono 2. Già arrivando a 8 bit, le opzioni diventano 256, mentre con 256 bit il numero avrà ben 78 cifre! Anche il computer più potente al mondo impiegherebbe miliardi di anni per decifrare soltanto lo 0,1% dei dati.

L’autenticazione HMAC SHA-512 (o handshake) utilizzata da ExpressVPN è altamente sicura per il trasferimento dei dati, risultando quindi ideale per la condivisione P2P. Usando una chiave segreta condivisa, sia il mittente che il destinatario del download dispongono di un modo per verificare l’autenticità del file. Qualsiasi modifica della chiave segreta sarebbe la prova che qualcuno ha manomesso tale file, quindi qualsiasi violazione verrebbe rapidamente rilevata e affrontata.

ExpressVPN fa anche uso della Perfect Forward Secrecy. La Perfect Forward Secrecy modifica la tua chiave di cifratura ad ogni accesso. Pertanto, anche nell’improbabile caso in cui qualcuno riuscisse a scovare una chiave, nessuna delle tue sessioni VPN passate o future potrà essere decriptata (dato l’uso di un chiave diversa per ogni sessione).

Ciascun protocollo modificherà leggermente il tuo livello crittografico. Ad esempio, il protocollo Lightway usa wolfSSL invece di AES. È comunque una tecnologia crittografica altrettanto sicura, a 256 bit, ed è anche open-source, quindi viene continuamente testata e aggiornata da terzi.

Prova subito ExpressVPN

Protocolli di sicurezza – Varie opzioni per tutti i dispositivi

ExpressVPN offre molteplici protocolli di sicurezza, potendo quindi personalizzare la tua VPN per qualunque situazione. Per protocollo si intende un insieme di regole seguite da una VPN per criptare le tue informazioni. Si possono cambiare nella scheda Protocollo dell’app per Windows, Mac, Android e iOS. Su Linux, dovrai usare i comandi nel terminale.

Le opzioni avanzate per Lightway permettono di cambiare il tipo di cifratura.

Ogni protocollo presenta caratteristiche leggermente diverse:

  • Lightway: è un protocollo che è stato sviluppato da ExpressVPN e che quindi non troverai in altre VPN. Consuma meno batteria e permette un passaggio fluido da una rete all’altra, condizioni che lo rendono una buona scelta per i telefoni. L’opzione TCP è migliore per le reti non affidabili e nei miei test si è dimostrata del 10% più veloce della versione UDP.
  • OpenVPN: data la sua natura open-source, è uno dei protocolli più sicuri. Persone di tutto il mondo esaminano continuamente il codice per rafforzarlo. Anch’esso offre le due versioni UDP e TCP, che per quanto mi riguarda forniscono velocità quasi uguali.
  • IKEv2: generalmente si pensa che sia più veloce di OpenVPN, ma nei miei test lo era solo di un misero 1%. Uso questo protocollo solo se gli altri non funzionano, perché in confronto è meno sicuro. Non ha un’opzione TCP, quindi viene bloccato da alcuni firewall.
  • L2TP/IPsec: essendo uno dei protocolli più vecchi, è l’opzione meno sicura, anche se nei miei test ha dimostrato di essere il più veloce. Va bene usarlo quando la velocità ha maggiore priorità rispetto alla sicurezza.

Disporrai di diverse opzioni di protocollo a seconda del tuo dispositivo:

Windows Mac Android iOS Linux Router
Lightway
OpenVPN
L2TP/IPsec
IKEv2

C’è anche un’opzione di selezione automatica, che sceglierà il miglior protocollo in base alla tua attuale connessione. Inoltre, alcuni server non supportano L2TP/IPsec. Sul sito di ExpressVPN puoi controllarne la lista completa.

In generale, consiglio l’uso di Lightway TCP poiché offre l’equilibrio migliore tra velocità e sicurezza.

Lightway

Lightway è il protocollo proprietario di ExpressVPN: super leggero, risulta ideale per i dispositivi mobili. Ecco alcuni dei vantaggi dell’utilizzo di Lightway:

  • Velocità elevate. Ho raggiunto una velocità di download del 5% maggiore rispetto alla mia connessione normale. Per aumentare ancora di più la velocità, puoi anche passare dalla crittografia wolfSSL a ChaCha20.
  • Crittografia più attuale. wolfSSL è una moderna libreria crittografica passata al vaglio di terze parti. Fornisce una crittografia a 256 bit di livello militare.
  • Cambio rapido fra reti. Quando cade il segnale, Lightway mette in stallo la tua connessione VPN piuttosto che chiuderla. Questo permette una riconnessione immediata quando ti sposti dal Wi-Fi a una rete mobile. Aiuta anche a collegarsi più rapidamente quando riattivi un dispositivo dallo stand-by o dalla modalità aereo.
  • Stabilisce una connessione all’istante. Spesso con Lightway ero connesso in meno di un secondo.
  • Codebase ridotta. Con solamente 1.000 linee di codice, Lightway ha una delle codebase più leggere fra i protocolli VPN. Questo lo rende certamente più verificabile in fase di audit. Allo stesso tempo, implica anche che consuma meno energia, quindi è ottimo quando si cripta il traffico su un telefono.

Nonostante ExpressVPN al momento non offra Wireguard, Lightway è un’alternativa con velocità e sicurezza simili. ExpressVPN prevede anche di rendere open-source la libreria di base di Lightway, cosa che rafforzerà ancora di più questo protocollo.

Prova subito ExpressVPN

Test delle perdite – Superato

ExpressVPN ha superato tutti i miei test di tenuta contro le perdite di dati su Windows, Mac, Android e iPhone. Per la mia prima serie di test, ho usato ipleak.net con 10 server diversi.

Nonostante fossi in California, il test ha rilevato il server VPN di Montreal.

Ciascun test mi ha mostrato solo l’indirizzo IP e il server DNS a cui ero collegato con l’app di ExpressVPN, Montreal nel caso mostrato nell’immagine precedente. I cosiddetti leak, fughe o perdite di IPv4, IPv6, WebRTC o DNS sono tutti mezzi diversi tramite cui i tuoi dati possono risultare accessibili a terzi. Nonostante una VPN faccia un ottimo lavoro proteggendoti sotto ogni altro aspetto, possono comunque verificarsi fughe di informazioni come queste. Ecco perché trovo fantastico che ExpressVPN integri una protezione contro le perdite, che nasconde i tuoi dati facendo fronte ai metodi usato dagli hacker.

DNS privato su tutti i server

Uno dei motivi per cui ExpressVPN ha superato i miei test delle perdite è per il fatto che fornisce server DNS privati. Per navigare da un sito all’altro, è necessario accedere a una rete chiamata Domain Name Server (DNS). Un server DNS privato taglia fuori questo intermediario, eliminando un’ulteriore area in cui potrebbero trapelare le tue informazioni.

C’è anche un’opzione per utilizzare i propri DNS, ma io raccomando di affidarsi sempre ai server DNS privati di ExpressVPN, per quanto possibile.

Prova subito ExpressVPN

Audit indipendente

Cure53 e PwC hanno sottoposto ExpressVPN a processi di audit indipendenti, confermando che è sicura quanto sostiene il provider. Non molte VPN fanno eseguire degli audit indipendenti del proprio servizio e delle loro politiche riguardo ai log e alla privacy. Questo dimostra che ExpressVPN segue una politica onesta e che sono ben disposti a metterla alla prova.

Cure53 è un team di cybersecurity che ha valutato le estensioni di ExpressVPN per browser Chrome e Firefox. Anche se non vi era nulla di entità tale da permettere agli hacker di reindirizzare il tuo traffico verso un sito dannoso, Cure53 ha rilevato alcuni piccoli problemi, prontamente risolti da ExpressVPN, come verificato dallo stesso team di Cure53 il mese successivo alla segnalazione. Le estensioni per browser sono open-source, quindi chiunque abbia le competenze tecniche adeguate può eseguire un test simile.

PricewaterhouseCoopers (PwC) è una delle società di revisione leader a livello mondiale. Ha passato un mese intero a esaminare l’informativa sulla privacy e la tecnologia TrustedServer di ExpressVPN, analizzandone il codice e incontrandosi con i membri del team. Nel giugno del 2019 e del 2020, l’esito dei processi di audit sono stati esposti agli occhi di tutti. PwC ha rilevato che ExpressVPN fornisce a tutti gli effetti ogni funzione o caratteristica di sicurezza e privacy che dichiara di avere.

Kill Switch

Il kill switch di ExpressVPN blocca il tuo traffico Internet in caso di disconnessione della VPN, in modo da tenerti sempre protetto. Si tratta di una funzione essenziale per qualsiasi VPN che si rispetti e nelle app di ExpressVPN la troverai sotto il nome di “Network Lock”.

Nell’app per dispositivi Android, lo trovi sotto Protezione di rete.

Per testare questa funzione, ho provato ad aggiornare la pagina di un sito mentre stavo passando al server di Toronto. Quando la connessione al server VPN non è attiva, ExpressVPN ti indicherà nel browser che il traffico è bloccato.

Network Lock non è disponibile per iOS.

Su Windows, Linux e Mac, il kill switch è abilitato automaticamente. Puoi anche concedere l’accesso ai dispositivi su una rete LAN. Questo è utile se hai una stampante collegata al Wi-Fi, per evitare che i tuoi documenti viaggino su server carenti in sicurezza. Sulle applicazioni desktop e Android puoi attivare e disattivare il kill switch a piacimento, ma con l’app del router no. Sui sistemi Android, il kill switch si chiama in modo leggermente diverso, Network Protection, e la sua attivazione richiede un passo in più: impostare la VPN su “Sempre attiva” nelle impostazioni di Android.

Se Network Lock è disponibile su dispositivi desktop, Android e router, non c’è alcun kill switch per iOS. Tengo sempre sott’occhio le migliori VPN per smartphone, incluse quelle per i dispositivi mobili Apple; ExpressVPN è tra i servizi migliori in assoluto, quindi è un gran peccato che manchi questa funzione fondamentale.

Prova subito ExpressVPN

Split Tunneling

Lo split tunneling permette di escludere una parte del tuo traffico web dal tunnel VPN. Questo è utile se hai bisogno di una connessione locale per compiere operazioni bancarie mentre, ad esempio, stai riproducendo lo streaming di contenuti da un altro Paese. Puoi anche usarlo per accedere alla stampa locale o per risparmiare larghezza di banda durante il download di file (criptando solo la tua applicazione torrent).

Per iniziare, devi solo decidere quali applicazioni useranno la VPN. Aggiungere e rimuovere applicazioni è facile, ma per farlo dovrai scollegare la VPN.

Dovrai disconnetterti dalla VPN mentre aggiungi o rimuovi app e siti web.

Fra le impostazioni dello split tunneling, troverai 3 opzioni:

  • Tutte le app utilizzano la VPN
  • Non consentire alle app selezionate di utilizzare la VPN
  • Consenti solo alle app selezionate di utilizzare la VPN

Per mettere alla prova questa funzione, ho selezionato la seconda opzione e ho rimosso l’app del mio online banking dal tunnel VPN.

Poi mi sono collegato a un server del Regno Unito, ho riaperto BBC iPlayer e tutto ha funzionato a dovere: sono stato in grado di guardare Sherlock in streaming pur mantenendomi collegato al sito della mia banca statunitense.

Questa funzione è disponibile sulle app per Linux, Windows, Android, Mac e router, ma sfortunatamente manca uno split tunneling per iOS.

Compatibilità con Tor

Puoi usare ExpressVPN con Tor (The Onion Router) usando il metodo Tor over VPN. Tor è uno speciale browser che cripta tutto il traffico che viaggia all’interno della sua rete rendendo anonimi i tuoi dati. Siccome è uno dei principali punti di accesso al dark web, ha la cattiva reputazione di ospitare siti dove potrebbero compiersi attività illegali. Tuttavia, allo stesso tempo Tor è necessario per attivisti e informatori di tutto il mondo, che grazie a questa rete possono condividere importanti informazioni in forma anonima.

Affinché ExpressVPN funzioni con Tor, devi prima connetterti alla VPN. Questo ti permetterà di accedere a Tor anche se fosse bloccato sulla rete che stai utilizzando. Inoltre, con questo procedimento non dovrai preoccuparti di venire segnalato per aver usato Tor e godrai di una protezione aggiuntiva contro eventuali bug del tuo browser.

ExpressVPN ha persino il suo sito .onion sulla rete Tor. Questo è utile perché permette di accedere ai siti bloccati in Paesi dalla rigida censura online. Se dunque ti sei dimenticato di scaricare la tua VPN prima di arrivare in Cina, potrai comunque scaricare l’app di ExpressVPN tramite Tor.

Devi connetterti alla tua VPN prima di accedere a TOR.

Siccome Tor è una rete altamente criptata, la navigazione con l’apposito browser è un po’ più lenta rispetto ai browser tradizionali. Collegato al server Los Angeles 1, ho caricato Tor Browser in 4 secondi. L’accesso al sito .onion di ExpressVPN ha richiesto 9 secondi. Sono numeri equivalenti alle mie velocità senza la VPN collegata, quindi ho potuto usare Tor senza ulteriore ritardo di connessione.

Con le sue incredibili velocità, la politica di no-log, la robusta crittografia, il kill switch e la tecnologia TrustedServer, ExpressVPN è una valida soluzione da combinare con TOR.

Resta al sicuro con ExpressVPN

Privacy – Un’azienda affidabile che non conserva i tuoi dati

La politica di ExpressVPN in quanto alla tua privacy, posizione e proprietà dei dati la rendono una delle VPN più sicure sul mercato. La fiducia è assolutamente fondamentale quando usi una VPN. Infatti, il suo ruolo è celare le tue informazioni agli occhi invasivi di governi, hacker e giganti tecnologici come Google, ma per riuscirci, un provider di VPN deve necessariamente accedere ai tuoi dati.

Quando ti colleghi a una VPN, stai consegnando a una terza parte il tuo indirizzo IP e i log della tua attività online. Da qui la grande importanza di scegliere un’azienda affidabile, che si comporti in modo responsabile con le informazioni che le condividi. Per fortuna, ExpressVPN ha dimostrato assoluta serietà nella tutela della privacy dei clienti.

ExpressVPN conserva i log? No

ExpressVPN segue una rigorosa politica di no-log, quindi in nessun caso memorizzerà, condividerà o venderà i tuoi dati personali.

Il provider memorizza solo la tua e-mail e i dettagli di fatturazione, oltre a dei dati anonimi per migliorare le prestazioni.

ExpressVPN dichiara che raccoglie solo quanto segue:

  • I dati che hai usato per iscriverti (info di fatturazione e indirizzo e-mail).
  • Il numero di app di ExpressVPN che hai attivato e le loro versioni.
  • Il giorno in cui hai effettuato una connessione (senza alcun dettaglio dell’orario).
  • La posizione del server a cui ti connetti (ma non l’indirizzo IP assegnato).
  • La quantità di dati trasferiti in un giorno.

Mi ha stupito che memorizzi così poche informazioni, non riesco a pensare a una VPN che ne raccolga meno. Si tratta della quantità minima necessaria per il mantenimento del servizio e per restare in contatto con i clienti. Praticamente svela solo che hai usato una VPN tal giorno, nient’altro.

Come ulteriore protezione, puoi pagare in criptovaluta e usare una nuova e-mail per creare il tuo account. Ho contattato il supporto di ExpressVPN tramite la live chat per sapere se dati come la tua e-mail e i dettagli di pagamento possano essere cancellati. La risposta è affermativa, ma avviene soltanto dopo la cancellazione dell’abbonamento.

Si può fare solo dopo aver cancellato il tuo account.

ExpressVPN non raccoglie:

  • Il tuo indirizzo IP personale né l’indirizzo IP assegnatoti dalla VPN.
  • Dati riguardanti la tua cronologia di navigazione (ossia quali siti web hai visitato).
  • I metadati.
  • Le query DNS (i siti web a cui hai tentato di accedere).

In altre parole, non c’è alcuna registrazione relativa a dove hai usato ExpressVPN e cosa hai fatto mentre eri connesso.

Puoi condividere su base volontaria i dati di diagnostica della tua app con ExpressVPN. Se non vuoi, quando scarichi l’app basta scegliere “No Thanks” (No grazie) alla richiesta “Help Improve ExpressVPN” (Aiuta a migliorare ExpressVPN).

Se scegli di condividerli, passerai loro solo dei dati anonimi che non potranno essere ricondotti a te.

Oltretutto, la politica di zero-log di ExpressVPN è stata messa alla prova nel 2017. Uno dei suoi server venne sequestrato dal governo turco, che raccoglieva informazioni su un caso di omicidio. Tuttavia, le autorità non vi hanno trovato nulla, proprio perché nessun dato vi era stato memorizzato, dimostrando la validità della politica di no-log di ExpressVPN.

ExpressVPN International Limited (la società madre) utilizza il servizio di ExpressVPN come unica fonte di reddito. L’azienda ha anche collaborato con il Center for Democracy and Technology per contribuire al miglioramento dei diritti alla privacy in tutto il mondo. Insieme a quanto visto finora, tutto ciò mostra ulteriormente la grande dedizione di ExpressVPN per l’anonimato online.

Sede nel paradiso della privacy delle Isole Vergini britanniche

ExpressVPN ha sede alle Isole Vergini britanniche, un Paese senza leggi in materia di conservazione dei dati. La sede di un provider di VPN è molto importante, dato che l’azienda sarà tenuta a seguire le norme e i regolamenti di tale giurisdizione. Nel caso di ExpressVPN, si trova in un luogo con solide leggi sulla privacy e in cui è molto difficile per i procuratori ottenere un mandato. Le Isole Vergini britanniche non hanno un programma di sorveglianza di massa e non partecipano alla 14 Eyes Alliance né alla SIGINT Seniors Europe, ovvero coalizioni di agenzie di intelligence di vari Paesi per la condivisione di dati sui loro cittadini.

Anche se è un territorio d’oltremare britannico, le Isole Vergini britanniche hanno un governo completamente autonomo. Questo è un bene, considerato che il Regno Unito è membro di tali alleanze per la sorveglianza. Altri Paesi potrebbero presentare una petizione all’alta corte delle Isole Vergini britanniche affinché condividano certi dati, ma le autorità locali non possono venire costrette a rivelare informazioni sui loro cittadini o le aziende residenti. Poi, anche se le autorità di un altro Paese riuscissero a spuntarla, ExpressVPN non avrebbe comunque alcun dato da consegnare riguardo ai suoi utenti. In ogni caso, avere la sede centrale in una regione così favorevole alla tutela della privacy dà certamente ulteriore protezione.

Prova subito ExpressVPN

Torrent – Supporto P2P su ogni server per download rapidi

ExpressVPN permette il file sharing P2P con larghezza di banda illimitata su ciascun server, quindi è una VPN ottimale per l’uso di torrent.

Molti servizi limitano le connessioni P2P su server specifici, ma con ExpressVPN potrai collegarti a una posizione vicina per ottenere il massimo della velocità. ExpressVPN funziona con qBitTorrent, Transmission, Vuze, Deluge, uTorrent e ogni altro principale client P2P. Funziona persino con Kodi, da cui è possibile accedere a tanti siti di streaming basati sul P2P.

Per testare le prestazioni di ExpressVPN con torrent, ho usato uTorrent per scaricare Un ragazzo, un cane, due inseparabili amici, un film di pubblico dominio noto anche con il titolo Apocalypse 2024. Su un server di New York, ho potuto scaricarlo a 2,1 MB/s con solo 0,44 seeder. Queste prestazioni mi hanno permesso di completare un file da 700 MB in meno di 10 minuti.

Anche se il torrent aveva solo 0,44 seeder, ho raggiunto una velocità di download di 2,1 MB/s.

ExpressVPN supporta il port forwarding solo sull’app per router e non offre un proxy SOCKS5. Queste due soluzioni si utilizzano principalmente per fare il seeding più velocemente. Come mostra il mio test, comunque, sarai in grado di scaricare ad alta velocità anche senza tali strumenti.

Tutti i protocolli di sicurezza e privacy di ExpressVPN ti terranno ben protetto durante l’uso di torrent. Ad esempio, la protezione integrata contro le perdite e un kill switch sono funzionalità essenziali per rimanere anonimi mentre si usa un software per il file sharing P2P. Lo split tunneling, poi, ti permette di mantenere il tuo traffico internet ordinario sulla rete locale, mentre il tuo vero IP resta nascosto all’app per torrent. Combinando tutto ciò con le impressionanti velocità di ExpressVPN, ne risulta una VPN ideale per usare torrent.

Detto questo, tuttavia, io e il mio team non appoggiamo alcuna attività illegale di condivisione via torrent o streaming. Tante persone usano i servizi P2P per condividere file nella più completa legalità. Ti raccomando quindi di informarti bene su qualunque applicazione che usi per il download via torrent, in modo da assicurarti di non andare a scaricare o condividere contenuti protetti da copyright.

Prova subito ExpressVPN

ExpressVPN funziona in Cina? Sì

Puoi usare ExpressVPN in Cina, ma è meglio scaricarla prima di fare ingresso nel Paese. Solo le VPN approvate dal governo sono legali in Cina, quindi le altre vengono bloccate. È raro che le autorità prendano di mira le persone che le usano, però ti invitiamo a leggere il più possibile sull’uso dei servizi di VPN in Cina, in modo da essere pienamente consapevole dei rischi.

Il governo cinese censura pesantemente l’uso di Internet all’interno dei propri confini. Siti come Google, Twitch, Twitter, Facebook e YouTube risultano inaccessibili usando una connessione standard cinese. L’apparato completo per la censura online in Cina è noto come Great Firewall, la Grande Muraglia cinese in versione digitale. Quando qualche anno fa il governo cinese ha dato un giro di vite al settore delle VPN, ExpressVPN è stato uno dei pochissimi servizi che ha continuato a funzionare (e lo fa tuttora).

ExpressVPN ha anche dei server a Hong Kong, che ti permettono di accedere alla TV e ai siti web cinesi se ti trovi fuori dai confini del gigante asiatico.

Anche se il ping era troppo alto per il gioco (202 ms), il server Hong Kong 2 ha persino aumentato la mia velocità di download del 19%! Ho potuto quindi guardare i programmi cinesi in streaming HD senza lag.

Tutto ciò funziona anche al contrario: dall’interno dei confini cinesi le persone possono accedere ai siti censurati grazie alle posizioni server estere. Oltre a utilizzare una tecnologia di offuscamento, ExpressVPN mantiene aggiornata una lista di server funzionanti per la Cina, quindi sarai sempre ben preparato. Per mantenerti al sicuro, ti consiglio di compiere sempre le tue ricerche, perché leggi e regolamenti cambiano continuamente.

Devi impostare il tuo protocollo su automatico e connetterti a uno dei server consigliati per la Cina.

Il team di supporto mi ha comunicato che ExpressVPN funziona anche in Paesi restrittivi come Turchia, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti (ovunque vi sia una connessione Internet). In particolare per il caso cinese, l’azienda mantiene un sito web con consigli per la risoluzione di problemi. Devi assicurarti che la tua app sia aggiornata, mantenere il protocollo impostato su automatico e utilizzare uno dei server indicati per la Cina. Questi server cambiano costantemente, quindi assicurati di controllare la lista ogni volta che ti connetti.

ExpressVPN consente di sbloccare Facebook, Google, WhatsApp, Netflix e tanti altri portali mentre ti trovi in Cina. Tuttavia, ricordati di installare l’app prima di mettere piede nel Paese, altrimenti l’accesso sarà bloccato. Se ti ritrovi a doverla scaricare mentre sei già lì, puoi farlo usando Tor Browser per accedere al sito .onion di ExpressVPN.

Prova subito ExpressVPN

Facilità di utilizzo

10.0

Le applicazioni di ExpressVPN per dispositivi desktop e mobile sono attraenti, stabili e facili da usare. L’interfaccia si presenta con un design elegante e moderno, con un gran pulsante di accensione posizionato al centro. Potresti trovare questo commento superfluo o banale, ma ti sorprenderebbe scoprire quante VPN rendono difficile qualcosa di essenziale come la connessione.

I tre puntini ti portano alla lista dei server, mentre le tre linee alle opzioni.

Puoi selezionare manualmente la posizione server da utilizzare oppure affidarti alla funzione Smart Location, che ti collegherà con un solo clic al server più vicino, offrendoti una protezione pressoché immediata e ad alta velocità.

Un’altra cosa che ho apprezzato è che l’app mostra le posizioni a cui ti sei collegato di recente. Inoltre, le posizioni consigliate velocizzano la messa in funzione della VPN non appena avvii l’applicazione. Le applicazioni per Windows e Mac si presentano essenzialmente allo stesso modo.

Navigare all’interno dell’app per trovare le impostazioni è facile, basta cliccare sul menu con le tre linee. Da qui potrai accedere al test di velocità, cambiare i protocolli di sicurezza, configurare la funzione di split tunneling e attivare o disattivare altre caratteristiche, ad esempio Network Lock, con un semplice interruttore.

Prova subito ExpressVPN

Creazione account e installazione – Semplice e veloce su ogni dispositivo

Ho impiegato meno di 4 minuti per iscrivermi e installare ExpressVPN.

Basta selezionare il tuo dispositivo e premere il grande pulsante verde per scaricare l’app.

Ecco una guida dettagliata per l’installazione di ExpressVPN:

Guida rapida: come installare ExpressVPN in 3 semplici passi

  1. Scegli un piano di abbonamento. Vai sul sito di ExpressVPN per avviare il tuo processo di iscrizione. Seleziona un piano e inserisci le tue informazioni.
  2. Installa l’app. Iscriviti tramite il sito web per assicurarti di risultare idoneo alla garanzia, quindi scarica l’applicazione sul tuo dispositivo preferito e inserisci il codice di attivazione fornitoti.
  3. Naviga online in tutta sicurezza. Connettiti a un server con un semplice clic e naviga sul web con la tranquillità di essere ben protetto!

Questo processo funziona per i dispositivi Windows, Mac, iOS e Android. Se usi Linux, dovrai compiere le operazioni tramite riga di comando. Sarà veloce come per l’installazione delle altre versioni, inoltre ExpressVPN offre sul suo sito delle guide di installazione dettagliate per ogni sistema.

Il dispositivo Firestick ha un’app apposita, scaricabile come qualsiasi altra. La funzione MediaStreamer di ExpressVPN è la migliore opzione per la configurazione della VPN su Android TV, Nvidia Shield, Roku, Apple TV, Chromecast, Samsung TV, Kindle Fire, Xbox, Playstation e Nintendo Switch.

Prova subito ExpressVPN

Compatibilità con i dispositivi – Disponibile su una caterva di apparati

ExpressVPN è compatibile con tutti i principali sistemi operativi e un’ampia varietà di dispositivi. Le app native sono disponibili per i sistemi Windows, Mac, Android, iOS e Linux. Vi sono anche app compatibili con molti router.

MediaStreamer rende estremamente facile collegare alla VPN i dispositivi che non dispongono di un’app nativa.

Un aspetto da sottolineare di ExpressVPN è l’intuitività delle sue app su ciascun dispositivo. Tutte le app funzionano in gran parte allo stesso modo, a prescindere dal sistema operativo in uso. Come ogni buona regola, c’è un’eccezione: l’applicazione Linux. Non possiede un’interfaccia grafica, quindi ho dovuto interagirvi tramite la riga di comando. Ho comunque trovato abbastanza semplice cambiare server e accedere a ogni funzione.

Anche se quasi tutte le app hanno un aspetto molto simile, vi sono leggere differenze nelle funzioni disponibili.

Windows Mac Android iOS Linux Router
Interfaccia grafica (GUI)
Kill Switch
IKEv2
Lightway
Split Tunneling

Oltre alla compatibilità con questi sistemi operativi, grazie alla funzione MediaStreamer potrai collegare facilmente quei dispositivi che in genere non supportano le app VPN, come console Xbox e Playstation, router non supportati e smart TV. ExpressVPN fornisce anche estensioni per browser Chrome, Firefox e Microsoft Edge. Combinando tutto questo, risulta disponibile su un numero di dispositivi maggiore di qualsiasi altra VPN.

Prova subito ExpressVPN

Desktop – Applicazioni per Windows, Mac e Linux in italiano

Le applicazioni di ExpressVPN per sistemi Windows e Mac sono pressoché identiche. Addirittura condividono gli stessi protocolli (OpenVPN, IKEv2, L2TP/IPsec e Lightway), cosa alquanto rara. L’unica differenza è che la funzione di split tunneling è assente sui Mac con OS 11.

Sono supportati i sistemi a partire da Windows 7 e macOS 10.10.

L’unica differenza è che l’applicazione per Mac non ha lo split tunneling.

Ho trovato l’applicazione facile da usare su tutte e tre le versioni desktop, anche se mi ha portato via un po’ di tempo imparare i comandi per Linux. Su Linux, infatti, ExpressVPN non ha un’interfaccia grafica, quindi si deve installare e usare immettendo comandi nel terminale. Ad esempio, “expressvpn connect” ti riconnetterà all’ultima posizione server utilizzata, mentre il comando “expressvpn list all” farà apparire l’elenco completo dei server disponibili. La maggior parte degli utenti Linux saranno abituati a usare applicazioni senza un’interfaccia grafica, tuttavia ad alcuni potrebbe creare qualche inconveniente.

Oltre allo split tunneling, la versione per Linux offre tutte le funzioni essenziali che trovi nella altre applicazioni desktop. Altre differenze degne di nota sono due: come protocolli usa solo Lightway e OpenVPN e poi non si può usare la funzione Scorciatoie come su Windows e Mac. Questa permette di accedere con un solo clic ai tuoi siti preferiti direttamente dall’app. Comunque, a dirla tutta, io raramente l’ho utilizzata. Le applicazioni per Linux sono disponibili per i sistemi Ubuntu, Fedora, Arch e Raspbian.

Le uniche caratteristiche che le mancano sono lo split tunneling e le scorciatoie per app e siti.

Per riassumere, a prescindere dal sistema operativo, per il tuo dispositivo desktop disporrai di una versione di ExpressVPN ricca di funzionalità.

Android e iPhone (iOS) in italiano

Le app per sistemi Android e iOS sono molto simili a quelle per desktop, tuttavia iOS manca di alcune caratteristiche fondamentali.

L’app per Android integra tutte le funzioni disponibili per i sistemi desktop (split tunneling, kill switch, connessione automatica), più alcuni extra. Il riepilogo della protezione ti indica una percentuale della tua frequenza di connessione alla VPN da quando l’hai installata. Nella parte inferiore della schermata troverai anche suggerimenti che ti collegano al blog di ExpressVPN. Prima di scaricare l’app tramite il Google Play Store, dovrai iscriverti sul sito di ExpressVPN e avrai bisogno della versione di Android 5.0 o più recente.

La versione Android ha alcune caratteristiche in più rispetto all’app iOS.

L’app Android ti permette di scegliere fra i protocolli Lightway od OpenVPN. Avere accesso a Lightway è ottimo, poiché è il miglior protocollo per dispositivi mobili: è stato progettato specificamente per passare in scioltezza da una rete all’altra (ad esempio fra il Wi-Fi e il tuo piano dati) e per far risparmiare batteria. La versione Android offre anche la possibilità di aggiungere fino a 5 scorciatoie per app e siti. Nel complesso, l’app Android offre prestazioni al pari delle versioni desktop. Ho potuto guardare contenuti in streaming HD con immagini perfette e passare dai dati mobili al Wi-Fi in men che non si dica grazie al protocollo Lightway.

Purtroppo, alla versione per iPhone mancano lo split tunneling e Network Protection (ossia il kill switch). Non pervenuti neppure i dati di riepilogo della protezione e i suggerimenti che appaiono nella parte inferiore della schermata. Comunque, l’app iOS mantiene le scorciatoie per siti e app come le versioni per altri sistemi.

La buona notizia è che ora il protocollo Lightway è pienamente disponibile anche per iPhone. Infatti, per lungo tempo è stato accessibile solo in una versione beta dell’app. Collegato a Lightway, su nuove reti mi connettevo in massimo un secondo. Mi ha permesso anche di sbloccare le piattaforme di streaming e di godermi la visione senza buffering, proprio come con le applicazioni desktop. È disponibile anche il protocollo IKEv2, ma consiglio di usare sempre Lightway (TCP è più veloce di UDP).

L’unica funzione che avrai in più su iOS rispetto ad Android è “Reinstalla la configurazione VPN”, che ti permette di reinstallare la VPN direttamente dal menu opzioni se l’app mostra problemi. Su Android, dovresti disinstallare e reinstallare manualmente l’app dal Play Store, quindi questo agevola le cose.

Dovrai acquistare e installare ExpressVPN per iPhone dall’Apple Store e il dispositivo deve avere iOS versione 12 o più recente.

Nel complesso, ExpressVPN fornisce ottime app per dispositivi mobili. È un peccato che la versione per iPhone non abbia lo split tunneling né un kill switch, tuttavia c’è da dire che la cosa è abbastanza comune a molte app VPN per iOS.

Prova subito ExpressVPN

Estensioni per browser Chrome, Firefox, Edge, Brave e Vivaldi

Le estensioni per browser di ExpressVPN forniscono alcune opzioni di sicurezza in più, ma puoi usarle solo sui dispositivi desktop. Sono disponibili estensioni dedicate per browser Chrome e Firefox, mentre per aggiungere la VPN a Microsoft Edge dovrai scaricarla tramite il Chrome Web Store e, nelle impostazioni di Edge, consentire le estensioni da altri negozi. Lo stesso processo appena descritto si applica anche ai browser Brave e Vivaldi.

Queste estensioni non sono dei semplici proxy, ma quasi un telecomando per la tua app. Questo è positivo perché l’estensione avrà tutte le funzioni dell’app corrispondente, che dovrà essere installata sul tuo dispositivo desktop. La connessione tramite l’estensione per browser collegherà anche la tua app di ExpressVPN.

Lo spoofing nasconde la tua posizione, utile quando le piattaforme richiedono la geolocalizzazione tramite browser.

Usare l’estensione per browser mi ha aiutato ad accedere a piattaforme come Hulu, che verificano la geolocalizzazione tramite browser. Hulu può usare la tecnologia di geo-tracking del tuo dispositivo per vedere dove ti trovi davvero, ma attivando “Nascondi la tua posizione” apparirai nella stessa posizione del server VPN, riuscendo così a sbloccare la piattaforma.

L’estensione permette anche di bloccare le perdite di WebRTC. WebRTC è un software di comunicazione attivo in molti browser e può provocare delle fughe di informazioni, esponendo ad esempio il tuo indirizzo IP. L’ho messo alla prova durante i miei test delle perdite, che non hanno rilevato alcun leak di WebRTC.

Puoi rendere la tua navigazione ancora più sicura attivando “HTTPS Everywhere” (HTPPS ovunque). Quando un sito web è disponibile in HTTPS (una versione sicura di un sito che utilizza la crittografia), ExpressVPN vi accederà automaticamente. Ho visitato 6 diversi siti web che normalmente uso con questa opzione attivata e ogni volta mi ha aperto la versione HTTPS.

Le estensioni per browser sono molto utili, ma è un peccato che non siano disponibili per smartphone e tablet. Muoversi tra app e browser su un dispositivo desktop è facile, ma con un touchscreen è spesso una seccatura. Le estensioni per browser sono disponibili anche per i Chromebook (che usano ChromeOS), ma quando ho voluto provarle mi hanno dato problemi di sincronizzazione, quindi consiglio di evitarle. È un peccato anche l’assenza di un’estensione per Safari.

Prova subito ExpressVPN

App native per dispositivi Amazon Fire TV, Nvidia Shield e Android TV

ExpressVPN offre app native per Amazon Fire TV e Nvidia Shield, oltre che per qualsiasi smart TV che utilizzi un sistema Android.

Avrai bisogno almeno di Amazon Fire TV versione 2 per accedervi. Ho cercato l’app sull’Amazon App Store e in meno di 2 minuti l’ho scaricata e installata sul mio Fire TV Stick come qualsiasi altra applicazione.

Anche sulla tua Android TV potrai scaricare l’app tramite Google Play Store, sempre che il tuo dispositivo abbia il sistema Android versione 2 o superiore. Ricorda che anche se scarichi l’app dagli store proprietari dovrai comunque effettuare l’abbonamento dal sito web di ExpressVPN.

È raro che una VPN permetta di scaricare la sua app direttamente sul proprio televisore o dispositivo di streaming. Si tratta quindi di un altro fattore distintivo di ExpressVPN. Se vuoi cambiare regione sui tuoi dispositivi Amazon o Android TV, non esiste opzione più semplice.

MediaStreamer – Funziona con Xbox, PlayStation, Nintendo, Apple TV, smart TV e altro

MediaStreamer (SmartDNS) ti permette di collegare a ExpressVPN dispositivi che in genere non supportano le VPN, come console di gioco e smart TV.

Tieni presente che MediaStreamer è pensato solo per lo streaming e non offre le stesse funzioni di una VPN. Ad esempio, non puoi passare liberamente da una posizione server all’altra. Infatti, connette il tuo dispositivo a un server statunitense ottimizzato per accedere alle piattaforme di streaming locali più note.

Considera poi che configurare un dispositivo con MediaStreamer conterà come utilizzo di una delle 5 connessioni simultanee disponibili con ExpressVPN. Inoltre, MediaStreamer non cripta il tuo traffico web e non nasconde il tuo indirizzo IP, quindi è ben lontano dalla protezione offerta dall’app VPN completa. Proprio per questo non ho registrato alcuna differenza di velocità rispetto alla mia connessione di base.

Mi ha portato via meno di 5 minuti configurare MediaStreamer sulla mia PS4. Non ho dovuto far altro che registrare il mio IP nell’apposita sezione del mio account ExpressVPN. Mi è stato assegnato un nuovo IP da MediaStreamer e ci sono voluti solo un paio di secondi per inserire il nuovo indirizzo nelle impostazioni di rete della mia PlayStation.

Registra il tuo indirizzo IP, poi clicca su “Configura DNS su questo dispositivo” per ottenere i tuoi IP MediaStreamer.

Dato che vivo negli Stati Uniti, ho sempre accesso alle piattaforme che è in grado di sbloccare, quindi per capire meglio come funziona fuori dal Paese ho contattato un tester di VPN del nostro team da Bruxelles, che ha confermato che MediaStreamer ha sbloccato la visione di Hulu, HBO Max, Amazon Prime Video e Netflix USA sulla sua PS4.

MediaStreamer è un mezzo conveniente per guardare le tue piattaforme preferite su dispositivi che normalmente non supportano le VPN. Tuttavia, se hai bisogno della piena funzionalità di una VPN e delle sue caratteristiche di sicurezza, è meglio usare l’app per router.

Prova subito ExpressVPN

App dedicata per router

ExpressVPN fornisce un’app nativa per diversi router, oltre alla possibilità di configurazione manuale su altri dispositivi selezionati. Questa ottima caratteristica fa spiccare ExpressVPN in termini di usabilità. Non troverai tante VPN con un’app così agile per i router.

Installare l’app sul tuo dispositivo di rete fornisce diversi vantaggi. Proteggerai ogni dispositivo collegato alla tua rete domestica, anche quelli che non supportano i software VPN, come qualunque smart TV, console di gioco e dispositivi di streaming quali Chromecast o Roku. Inoltre, una volta installata la VPN sul tuo router, non avrai alcun limite al numero di connessioni simultanee.

Usufruirai anche delle funzioni di kill switch e split tunneling. Ho trovato estremamente utile la guida interattiva alla configurazione sui router, che mi ha permesso di installare tutto in meno di 10 minuti. Puoi ottenere l’app di ExpressVPN per gran parte dei modelli di router Asus, Linksys e Netgear.

Inoltre, di recente ExpressVPN ha aggiornato il suo software per router, rendendo più semplici i cambi di posizione server. Ha aggiunto una funzione di aggiornamento automatico, quindi non dovrai reinstallare l’app quando sono disponibili aggiornamenti o effettui un upgrade del servizio. Per quanto riguarda l’infrastruttura tecnica, per maggiore sicurezza ora usa OpenSSL versione 1.1.1k. Sono stati implementati anche dei nuovi driver Linksys Wi-Fi per una migliore stabilità. Oltretutto, ora è disponibile sui router anche l’ultima versione del protocollo Lightway.

È possibile installare ExpressVPN anche manualmente su tanti modelli di router Asus, D-Link, DD-WRT, Netduma e altri. Tuttavia, tieni conto che effettuare la configurazione manuale richiede più tempo e sarai in grado di cambiare solo gli IP. Puoi controllare le configurazioni manuali e l’app per router tramite il tuo browser.

La forma più semplice per garantirsi la protezione online prevede di acquistare un router con ExpressVPN preinstallata. Sul suo sito web puoi trovare diversi router con il firmware già configurato.

Puoi anche installare la VPN su router compatibili o usare una configurazione manuale.

Potresti persino sostituire il firmware originale del tuo router con quello di ExpressVPN, ma occhio perché questa pratica potrebbe invalidare la garanzia del tuo dispositivo e persino danneggiarlo. A meno che tu non sia un grande esperto in questo campo, ti consiglio di evitare.

Infine, puoi usare MediaStreamer anche per collegare il tuo router a un server americano ottimizzato per lo streaming. Ricorda però che così i dati non vengono criptati e che il modo migliore per collegare il tuo router è tramite l’app dedicata.

Prova subito ExpressVPN

Connessioni simultanee – Fino a 5 dispositivi

Puoi usare ExpressVPN contemporaneamente su 5 dispositivi senza alcun problema. Collegando la VPN al tuo router, però, puoi ottenere le connessioni illimitate.

Per testare questa funzione, ho impostato ExpressVPN sul mio portatile, sul PC desktop, sull’iPhone, sul telefono Android e sulla PS4 tramite la funzione MediaStreamer. Ho potuto accedere a ben 4 piattaforme di streaming diverse mentre giocavo online allo sparatutto multiplayer Doom Eternal. Nessun video ha mostrato cali di qualità o interruzioni per buffering, mentre nel gioco non ho rilevato alcun lag. Insomma, se pensi che le connessioni simultanee vanno a discapito delle prestazioni di ExpressVPN, non hai nulla di che preoccuparti.

Prezzo

9.6
Un consiglio: l’offerta dei “3 mesi gratis” di ExpressVPN non compare ovunque, però la sua pagina della prova gratuita mostra sempre i prezzi migliori, quindi vale la pena darle un’occhiata.

15 Mesi di Piano
$6.67 /mese
Piano di 6 Mesi
$9.99 /mese
Piano di 1 Mese
$12.95 /mese

Con un abbonamento più lungo di ExpressVPN ottieni un certo risparmio, però anche il piano mensile vale appieno il prezzo richiesto.

È vero che esistono tante ottime VPN dal costo minore e che ExpressVPN non offre tanta personalizzazione delle funzioni quanto alcuni servizi concorrenti, tuttavia ritengo che funzioni talmente bene da guadagnarsi questo extra nel prezzo. È infatti superiore a tante altre VPN in termini di velocità, affidabilità, servizio clienti e sicurezza.

Propone tre diversi piani di abbonamento, tutti con la versione di ExpressVPN completa di tutte le funzioni. Molti altri servizi offrono piani economici che però ti danno accesso solo ad alcune funzioni.

Attualmente ExpressVPN offre piani di durate mensile, semestrale o annuale. Quest’ultimo è il più economico, per l’equivalente di $6,67/mese, ossia uno sconto del 49% cosa certamente gradita.

Puoi acquistare ExpressVPN pagando con Visa, Mastercard, PayPal, Qiwi Wallet, Maestro, Bitcoin e altri metodi di pagamento. Se paghi in criptovaluta e usi un’e-mail creata appositamente per il servizio, potrai iscriverti e usare ExpressVPN in modo completamente anonimo.

C’è anche una garanzia soddisfatti o rimborsati davvero priva di inconvenienti, che ti concede fino a 30 giorni per provare la VPN ed eventualmente ottenere un rimborso completo se capisci che non fa per te. Per mettere alla prova questa politica, ho contattato il supporto tramite live chat per chiedere un rimborso. Mi hanno solo domandato il motivo della mia decisione e circa 12 minuti dopo il rimborso era stato approvato. L’agente del team di assistenza mi aveva comunicato che ci sarebbero voluti da 5 a 7 giorni per la conclusione del processo, ma già dopo 3 giorni avevo di nuovo i soldi sul conto.

Ho avuto indietro fino all’ultimo centesimo nel giro di 3 giorni.

L’unica eccezione è per gli utenti iPhone che acquistano ExpressVPN tramite l’Apple Store. Solo in tal caso accedi a una prova di 7 giorni, ma se vuoi ottenere un rimborso devi chiederlo direttamente ad Apple, che non è obbligata a riconoscere la garanzia di 30 giorni offerta da ExpressVPN. Ecco perché insisto nel consigliare di iscriversi sempre dal sito di ExpressVPN. Potrai scaricare facilmente l’app sul tuo telefono dopo esserti registrato al servizio via browser.

Un altro trucchetto che può farti risparmiare qualcosa è consigliare il servizio a un amico. Entrambi riceverete 30 giorni gratis. Sotto alle impostazioni del tuo account, vedrai una piccola icona a forma di pacchetto regalo, dove potrai inserire l’e-mail della persona che vuoi invitare a iscriversi.

Prova subito ExpressVPN

Affidabilità & Supporto

10.0

Il servizio di live chat di ExpressVPN è facile da usare, estremamente utile e disponibile 24/7. Inoltre, gli agenti dell’assistenza hanno accesso a uno strumento di traduzione che permette loro di chattare con te in qualsiasi lingua, italiano compreso.

Ho contattato il supporto più di 20 volte durante questa recensione e ho sempre ricevuto la risposta di un agente nel giro di soli 10 secondi. Hanno sempre risposto esaustivamente alle mie domande, anche se a volte ci hanno messo un paio di minuti per alcune questioni più impegnative.

Ad esempio, sul sito web non mi è venuto per niente semplice trovare informazioni sull’uso delle estensioni per browser sui dispositivi tablet o Chromebook. In pochi minuti il membro del team di supporto ha risposto con tutto quel che avevo bisogno di sapere al riguardo.

Mi hanno collegato con un agente di supporto sempre entro un massimo di 10 secondi.

Un problema minore della chat è la rapidità con cui si disconnette. Una volta ho lasciato la stanza per qualche minuto mentre attendevo la risposta dell’agente, ma al ritorno ho trovato la chat box chiusa. Non è poi un gran problema, considerato che quando apri una nuova conversazione puoi chiedere di parlare di nuovo con lo stesso agente di prima. Se hai effettuato l’accesso al sito, gli agenti disporranno anche del tuo indirizzo e-mail e ti potranno inviare lì le risposte, in caso di interruzione della chat.

Il sito web di ExpressVPN ha un’enorme libreria di FAQ, guide di configurazione in italiano e video tutorial. Se sei fra quelli che amano fare le cose da sé, molto probabilmente vi puoi trovare tutte le risposte alle tue domande. Da lì puoi usare anche il sistema di ticketing o inviare e-mail dirette, anche se personalmente trovo molto più comoda la live chat.

Potrai saperne di più sulla tecnologia VPN o consultare le guide di configurazione per ogni dispositivo.

Il sito web di ExpressVPN è facile da esplorare e pieno di utili risorse. Inoltre, è disponibile in 16 lingue diverse, tra cui inglese, spagnolo, francese e olandese, nonché italiano.

Prova subito ExpressVPN

La linea di fondo

Verdetto finale – Super affidabile, massima velocità e sicurezza eccellente giustificano il prezzo

ExpressVPN è di gran lunga la VPN più veloce e affidabile che io abbia mai usato. Alcuni dei suoi server a lunga distanza hanno persino migliorato le mie velocità. Mi ha sempre fornito sessioni di streaming in HD senza buffering, dimostrandosi estremamente affidabile nello sblocco di ogni piattaforma. Tutti i portali di streaming che ho testato si sono caricati in modo quasi immediato e senza problemi.

Inoltre, ExpressVPN è difficile da battere anche in termini di sicurezza. La sua crittografia di livello militare e i suoi server DNS privati le hanno permesso di superare a pieni voti tutti i miei test delle perdite. Oltretutto, segue una rigorosa politica di no-log e ha sede alle Isole Vergini britanniche, giurisdizione altamente rispettosa della privacy. Tutto ciò rende ExpressVPN un servizio a cui personalmente affido senza timore la gestione dei miei dati.

L’unico aspetto negativo, ma di entità davvero lieve, è che non integra un blocco degli annunci pubblicitari, al contrario di molte altre delle migliori VPN. Questo comunque non è assolutamente un problema, considerata l’ampia disponibilità di ad-blocker gratuiti e di ottimo livello.

Insomma, consiglio ExpressVPN a tutti coloro interessati all’uso di una VPN. Il prezzo è pienamente in linea con la qualità del servizio, quindi ne vale certamente la pena.

jo4moAR7jbY
imgur-jo4moAR7jbY
  • Velocità strabilianti per uno streaming senza buffering.
  • Ottima per sbloccare piattaforme di streaming come Netflix.
  • Ampia rete composta da 3.000 server in 94 Paesi
  • Crittografia di livello militare e kill switch automatico per proteggere i tuoi dati.
  • Rigorosa politica di no-log.
  • App native per tantissimi dispositivi e anche per i router.
  • Il protocollo proprietario Lightway è superveloce e ideale per i dispositivi mobili.
  • Eccellente servizio di assistenza via live chat disponibile 24/7.
  • Offre 30giorni di garanzia soddisfatti o rimborsati
  • Inizia subito con ExpressVPN

FAQ – Domande frequenti su ExpressVPN

Posso usare ExpressVPN per guardare Netflix USA e altre librerie di streaming dall’Italia?

Sì, ExpressVPN ti darà accesso ai cataloghi Netflix in tutto il mondo. Io l’ho usata per sbloccare Netflix in 20 Paesi diversi, oltre a Disney+, Hulu, BBC iPlayer e praticamente qualsiasi altra piattaforma di streaming ti venga in mente. Non sono riuscito a trovare un servizio di streaming che non riuscisse a sbloccare e mi ha sempre fornito una visione in HD senza alcun lag su tutte le piattaforme testate. Inoltre, sarai in grado di vedere Netflix in streaming su qualsiasi dispositivo, grazie alla funzione MediaStreamer di ExpressVPN..

Su quali dispositivi posso utilizzare ExpressVPN?

Puoi usare ExpressVPN su quasi ogni dispositivo dotato di connettività Internet.

ExpressVPN offre app native per i seguenti dispositivi:

  • Computer con almeno Windows 7 o macOS 10.10 o Linux (versioni Ubuntu, Fedora, Arch e Raspbian).
  • iPhone e iPad con iOS 12 e versioni successive.
  • Smartphone e tablet Android con versione 2 o successive.
  • Una selezione di router Asus, Linksys e Netgear.
  • Android TV
  • Dispositivi Amazon Fire (Fire TV, tablet e Fire Stick).
  • Nvidia Shield

Collegare ExpressVPN al tuo router ti permetterà di connettere alla VPN qualsiasi dispositivo dotato di Wi-Fi, come i Chromecast, i sistemi Smart Home per la domotica e smart TV di qualunque modello.

Potrai anche usare la sua funzione MediaStreamer per collegare i seguenti dispositivi:

  • Console di gioco come Xbox, Xbox One, PS4, PS5, Wii U e Nintendo Switch.
  • Smart TV Samsung, Vizio, Sony, LG e di altre marche.
  • Dispositivi per lo streaming come Apple TV e Roku.
  • Router che non supportano l’app nativa di ExpressVPN.

È possibile ottenere ExpressVPN gratis?

Non esiste qualcosa come un piano gratuito, ma su alcuni dispositivi potrai provarla gratis. Tuttavia, consiglio sempre di sfruttare la garanzia di rimborso di ExpressVPN invece delle prova gratuita.

Il periodo gratuito è stato sospeso per gli utenti desktop, ma per iPhone o Android è ancora disponibile una prova di 7 giorni. Non la consiglio perché ti impedirebbe di usufruire della garanzia di 30 giorni soddisfatti o rimborsati. Inoltre, ti dovresti cancellare almeno 24 ore prima del termine della prova. C’è poi anche il fatto che queste prove gratuite vengono gestite tramite gli store di Apple e Google, quindi non potrai contattare la live chat 24/7 di ExpressVPN per effettuare una richiesta di rimborso

Quanto costa ExpressVPN?

È possibile ottenere un piano a partire da $6,67/mese. I piani a breve termine sono generalmente più costosi di quelli più lunghi. Con un abbonamento annuale, si risparmia il 49% rispetto ai piani mensili. Io consiglio di optare per il piano annuale soprattutto perché avrai comunque 30 giorni per richiedere un rimborso, se vedi che il servizio non fa per te.

È difficile cancellare l’abbonamento a ExpressVPN?

No, è facile annullare il tuo abbonamento se capisci che il servizio non è in linea con le tue esigenze. ExpressVPN ti concede fino a 30 giorni per provare ogni sua caratteristica e funzionalità. Se non ti soddisfa, basterà effettuare una richiesta di rimborso per riavere indietro fino all’ultimo centesimo. Ho voluto mettere alla prova questa politica di rimborso per vedere come funziona nella pratica e in soli 12 minuti ho contattato il supporto che ha approvato la cancellazione del mio abbonamento. In 3 giorni avevo di nuovo i soldi sul conto.

È sicuro usare ExpressVPN in Italia?

Sì, con la sua crittografia di livello militare, le funzioni di protezione avanzata e la rigorosa politica di no-log, ExpressVPN risulta estremamente sicura. La crittografia AES a 256 bit cela la chiave dei tuoi dati in un numero di 78 cifre, una tecnologia tale che nessun computer esistente può decifrare. Il kill switch fa sì che il tuo IP rimanga nascosto anche in caso di disconnessione del server VPN. Inoltre, ExpressVPN non conserva alcun dato riguardante la posizione o le attività online dei suoi utenti. La sua politica di no-log è stata messa alla prova nel 2017, quando il governo turco ha sequestrato dei server di ExpressVPN ma non vi ha trovato dati utilizzabili per i suoi fini investigativi

ExpressVPN è sicura da usare anche perché ha sede alle Isole Vergini britanniche, dove non vige alcuna legge in tema di conservazione dei dati. Inoltre, è un’area al di fuori della giurisdizione della 14-Eyes Alliance per la sorveglianza. Il Paese non può essere costretto da nessuno a condividere i dati dei suoi cittadini o delle aziende residenti. Pur essendo un territorio britannico d’oltremare, le Isole Vergini britanniche operano pienamente secondo la propria giurisdizione.

Si può usare ExpressVPN in Cina?

Sì, ExpressVPN funziona in Cina. Ha dei server a Hong Kong, che ho potuto usare per accedere alla televisione cinese, ed è anche rinomata come una delle migliori VPN per la Cina. Allo stesso tempo, però, ExpressVPN è stata vietata dal governo cinese. Io e il mio team raccomandiamo sempre di fare le proprie personali ricerche in quanto a norme e regolamenti vigenti nel Paese in cui si vuole usare la VPN, che sia la Cina o altri. Comunque, c’è da dire che in genere il governo cinese contrasta le VPN non approvate bloccandone la tecnologia, piuttosto che andare a tracciare e perseguire le persone che le utilizzano. Se hai intenzione di visitare il gigante asiatico, è buona idea scaricare la VPN prima di attraversarne i confini.

ExpressVPN rallenterà la mia connessione?

Qualsiasi VPN rallenterà in certa misura la tua connessione, poiché ci vuole tempo per criptare il tuo traffico e instradarlo attraverso i suoi server sicuri. I server locali di ExpressVPN hanno ridotto la mia velocità di download solamente dell’1,5%. Con gran parte delle VPN il calo è molto più ingente, quindi offre prestazioni davvero notevoli. Alcuni server (Chicago e East London) hanno persino migliorato la mia velocità di connessione

Se un server di ExpressVPN riduce la tua velocità, in genere non è altro che un lieve calo di cui non noterai differenza nelle tue attività online.

Soddisfatti o Rimborsati (Giorni) : 30
Applicazione Mobile :
Numero di dispositivi per licenza : 5
Tariffe VPN: www.expressvpn.com

Recensioni degli utenti su ExpressVPN

9.7
Basato su 1335 recensioni in 29 lingue
Anonimo
Ottimo per ora - 10
Anonimo

Per ora ottimo. La condivido con un mio amico che usa netflix e con qualche cambio di server funziona (lui adora le serie tv francesi). Se veramente non loggano e i server sono stra sicuri è ottima e fa sentire protetti. Su alcuni siti per adulti pare andare un pò a rilento anche cambiando server.

Marco
Super VPN - 10
Marco

Mi sto trovando veramente bene con ExpressVpn. Veloce e senza limiti di banda, la uso sia a lavoro che a casa per scaricare torrent in sicurezza e navigare con un livello di privacy elevato, funziona bene anche con Netflix. Ma il plus sono i dispositivi su cui puoi far girare ExpressVpn, dagli smartphone ai router. Voto 10/10.

Vito Montanaro
Express VPN... Eccezionale!! - 10
Vito Montanaro

La uso su diversi dispositivi: Android, Android Tv e Windows 7/10 x32/x64... Va benissimo!!! Velocissima e massima protezione già con l'uso basico... Facilissima da usare, la consiglio a tutti... Grazie mille

Compara ExpressVPN con le migliori VPN alternative

9.5
9.3
9.1
9.1
Questo articolo ti è stato utile? 0 0
Spiacente per questo!
(10 caratteri minimo.)