Come connettersi ad un VPN da Android in 5 semplici passaggi

Sembra proprio che ci stiamo muovendo verso una società basata sulla sorveglianza, di tipo quasi “Orwelliano”, come descritta nel libro di George Orwell 1984. Siamo costantemente controllati quando siamo in rete, virtualmente da chiunque: governi, hacker, pubblicità, ISP e grosse compagnie tecnologiche. Raccolgono tutti i tipi di informazioni personali dai dispositivi mobili, spesso senza il consenso dell’utente. In molti paesi, gli ISP registrano anche le attività di navigazione e le rivendono alle compagnie pubblicitarie senza il permesso del fruitore del servizio.

Negli USA è stata di recente votata una legge per mostrare in maniera lecita le attività di navigazione dei clienti degli ISP. Infatti, la sorveglianza sta diventando un modello di business in rete. Dato che non ci è concesso sapere come funziona in realtà, sottovalutiamo spesso l’enormità del rischio. Immagina di essere a casa e di notare, improvvisamente, che una decina di persone sono accalcate sulla tua finestra per vedere quello che stai facendo. La faccenda si fa seria.

Visto che i dispositivi mobili sono diventati il mezzo più popolare per avere accesso alla rete (Android per il 73% secondo StartCounter.com), i dubbi legati alla privacy sono in aumento. A peggiorare il tutto, il sistema operativo Android è stato pensato per raccogliere dati su di te e per indirizzarli a pubblicità mirate. Molti utenti sono preoccupati di queste falle nella sicurezza e vogliono sapere se possono proteggere la loro privacy online mentre usano dispositivi Android.

Come proteggo la privacy del mio telefono?

Ci sono molti modi per proteggere la tua privacy e il principale è usare un browser Tor anonimo per Android. Il suo nome è Orfox. Si tratta del browser mobile più anonimo in circolazione. Quando viene messo insieme ad applicazioni come Orbot e orWall, aumenta la privacy obbligando le applicazioni a connettersi tramite il network Tor, facendo sì che la navigazione sia in incognito. Tuttavia, cercare di usare questa tecnologia può essere difficile e molto complesso per un utente medio (la nostra Guida al Browser Tor spiega tutto nel dettaglio). Per la maggior parte degli utenti, il problema principale sta nella lentezza della connessione con Tor. Probabilmente non è la soluzione facile e immediata che stavi cercando.

Un’ulteriore soluzione popolare per la privacy sono i proxy, la maggior parte dei quali sono gratis. Un proxy funge da intermediario tra il tuo dispositivo e la rete, ma non sono tutte rose e viole. Circa il 75% di tutti i proxy gratuiti non è affidabile, secondo i dati raccolti da Christian Haschek. Se ne stai già usando uno, ne puoi verificare la credibilità con proxycheck.haschek.at.

Per la maggior parte delle persone, la miglior soluzione per ottenere la privacy in rete è l’utilizzo di un VPN (virtual private network). Nel caso in cui tu non sappia cos’è, un VPN aiuta a creare un tunnel virtuale criptato e personale verso internet. Accedendo a internet tramite questo tunnel, le tue attività in rete saranno difficilmente rintracciabili, anche dai provider del servizio internet. I VPN aiutano anche a nascondere la tua posizione e sbloccano i contenuti con restrizioni geografiche, come quelli proposti da Hulu e Netflix, anche se quest’ultimo sta iniziando a bloccare alcuni VPN.

Come trovo e installo un VPN?

Scaricare e installare un VPN è relativamente semplice, anche su Android. Esistono numerosi provider VPN che offrono i propri servizi per Android. La maggior parte di questi sono disponibili su Google Play Store come applicazioni scaricabili gratis.

Tuttavia,come la maggior parte dei servizi gratuiti, un VPN che non richiede denaro non ha la motivazione giusta per offrire il livello di protezione desiderato, per non parlare delle loro lacune. Una maniera semplice per avere il VPN che soddisfa le tue aspettative è sceglierne uno a pagamento. La maggior parte fanno affidamento a piani di pagamento mensili o annuali. Cercane uno che abbia molta banda da offrire e molti siti. Se possibile, fai anche qualche prova gratuita prima di effettuare l’iscrizione.

Android presenta un sistema di supporto integrato per certi VPN il quale può essere usato per la connessione a un network del quale conosci già le credenziali di accesso. Può essere molto utile se ti vuoi connettere ad una rete interna a qualche struttura a partire dal mondo esterno senza installare software di parti terze. Per connetterti attraverso il VPN integrato Android segui i passaggi:

  1. Apri le impostazioni e premi “Altro” alla voce Wireless & Network, come mostrato nell’immagine sottostante.
  2. Premi l’opzione VPN nella schermata Wireless & Network.
  3. Nell’angolo in alto a destra, troverai un segno + o “aggiungi profilo VPN” (a second della tua versione di Android).
  4. Premi ed entra nella schermata in cui inserire i dettagli VPN, forniti dall’amministratore di rete.
  5. Una volta completato il tutto, premi salva e connetti il VPN.

Quali fattori dovrei considerare?

Un problema fondamentale con i VPN è la fiducia. Alcune compagnie VPN hanno delle politiche di gestione della privacy che fanno fuggire via, a prima vista, specialmente per i provider mobile. Una ricerca recente ha mostrato che su Google Play i servizi VPN fraudolenti sono di più di quelli affidabili. Per essere sicuro, controlla sempre i termini e le condizioni di servizio del tuo provider ed evita quelli che tengono registri delle tue attività online. Coloro che salvano dati su di te possono vendere tali informazioni alle pubblicità, o divulgarli alle forze dell’ordine in caso di richiesta. Fai riferimento ai nostri VPN consigliati per Android. Quello che ti serve è un servizio VPN che mantiene le promesse. Alcuni VPN sono così pieni di difetti da esporre il tuo indirizzo IP. Uno dei modi per sapere se il tuo VPN espone l’indirizzo internet è fare una verifica tramite il nostro IP leak test. Se riesci a vedere il tuo indirizzo internet fornito dall’ISP, allora il VPN lo sta esponendo.

Puoi risparmiare un po’ di temtpo e cliccare  su uno dei VPN proposti in seguito, già testati e funzionanti.

Quali sono i limiti e le debolezze?

Anche se i VPN sono davvero utili, non sono una soluzione immediata ai problemi inerenti alla privacy. Hanno delle limitazioni e dei punti deboli. Usare un VPN sul dispositivo mobile aiuta a proteggere i dati che transitano in rete, ma non protegge quelli presenti sul tuo dispositivo. Il tuo provider saprà la tua posizione tramite le informazioni di connessione con il ripetitore. Un VPN può rallentare la velocità della tua connessione ed è meglio effettuare l’iscrizione a un provider VPN con sede accanto alla tua posizione attuale. Un VPN non riesce a migliorare la sicurezza del tuo telefono se esso è già compromesso, ad esempio a causa di malware o applicazioni fraudolente. Se sei davvero preoccupato per la tua privacy, dovresti ridurre al minimo il numero di app ed evitare di dare permessi non necessari a dati che consideri privati.

Ti è stato utile? Condividilo!
ExpressVPN
49% di risparmio
Devices

La VPN più veloce disponibile sul mercato

  • Proteggi la tua privacy
  • Streaming senza intoppi
Ricevi ExpressVPN ora
No, grazie